Tempo di lettura: 1 Minuti

Il ceto sociale non fa rendere meglio a scuola

Il ceto sociale non fa rendere meglio a scuola

Ceto sociale elevato non è per forza fattore di rendimenti più alti nella carriera scolastica. Lo hanno dimostrato in uno studio il PoliMi e la Lancas

Università di Foggia: panchine speciali per sponsorizzare la lettura
Estate in biblioteca: dal 19 luglio al 27 settembre a Roma regna il cinema
Digital Yuppies: connect, inspire and empower the talent of tomorrow

Ceto sociale elevato non è per forza fattore di rendimenti più alti nella carriera scolastica. Lo hanno dimostrato in uno studio il PoliMi e la Lancaster University.

Essere di ceto sociale più agiato non significa per forza avere rendimenti più alti e prestazioni migliori nel proprio percorso scolastico. Non è infatti questa la vera variabile per stabilire qualche fascia di studenti possa fare di più rispetto a un’altra.
Non è un semplice discorso anticlassista (L’Amaca docet), ma un’argomentazione più ampia che prende determinate radici scientifiche.
Infatti attraverso una ricerca comune, Politecnico di Milano e Lancaster University hanno appurato quale siano i veri fattori per cui uno studente riesca a rendere meglio nel proprio percorso scolastico.

Sono tre principalmente: maggiore accessibilità a materiale culturale in famiglia, una buona gestione dell’ansia e la cooperazione con i compagni. Così i risultati sono influenzati in positivo.
Come si è arrivati a tale affermazione? Si è paragonato il risultato di matematica del test PISA 2015, fascia di ragazzi di 15 anni da nove Paesi diversi. Tra questi Francia, Gran Bretagna, Spagna, Stati Uniti e Italia.

Attraverso innovative tecniche statistiche e di machine learning, si è estrapolato ogni aspetto della vita studentesca che possa influenzare rendimento dello studente e risultati scolastici.
E se appunto quelli sopra elencati si dimostrano elementi fondamentali, viene escluso il rendimento del ceto sociale. Non è paragonabile, come peso, alla motivazione personale e all’istruzione dei genitori, che invece permettono di influenzare in positivo.

È un dato molto interessante, perché ancora una volta permette di escludere la rilevanza economica del nucleo familiare quale elemento determinante per stabilire chi avrà migliori risultati.

Sta, prima di tutto, a noi stessi e alla nostra spinta crescere attraverso lo studio. Soldi in famiglia non è uguale a migliore prestazione/preparazione scolastica. Si può essere ricchi, ma svogliati, come meno agiati, ma pieni di motivazioni personali e competitività.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0