Canottieri italiani, l’Università di Bari vi aspetta!

Canottieri italiani, l’Università di Bari vi aspetta!

I più promettenti canottieri italiani potranno studiare a Bari con un percorso ad hoc per studenti e atleti.  #FacceCaso. Chi è stato atleta a livell

L’ Ue boccia l’Italia sull’università
Playaya : arriva l’app per l’ombrellone sharing
Docente capace, bonus statale

I più promettenti canottieri italiani potranno studiare a Bari con un percorso ad hoc per studenti e atleti.  #FacceCaso.

Chi è stato atleta a livello agonistico come me, può capire quanto sia difficile conciliare lo sport con lo studio. Figuriamoci per chi disputa manifestazioni internazionali e per giunta sceglie di iscriversi all’università.

Oggi però c’è una bella notizia. I più promettenti canottieri italiani potranno studiare a Bari con un percorso ad hoc per studenti e atleti. Finalmente un ateneo che si mette nei panni di questi ragazzi e attraverso scontistiche e flessibilità su calendari di gare ed allenamenti viene in aiuto agli studenti.

Ci siamo quasi, manca solo la firma all’accordo tra il rettore dell’Università di Bari, Antonio Uricchio, e il presidente della Federazione Italiana Canottaggio, Giuseppe Abbagnale.

L’ateneo del capoluogo pugliese ospiterà i migliori talenti nazionali del canottaggio che potranno accedere direttamente al corso di studi in Scienze Motorie. 

Come riporta BariToday, il Rettore Uricchio ha dichiarato. “E’ il compimento di un percorso virtuoso iniziato nel 2016, un anno centrale per il rapporto tra UNIBA e canottaggio. Infatti, nell’arco di pochi mesi, nell’estate 2016, l’Ateneo si dotava del Regolamento Studenti Atleti e il più importante canottiere della nazionale, Domenico Montrone, nostro studente, vinceva la medaglia di bronzo nel 4- alle Olimpiadi di Rio de Janeiro”. 

“Sono già tanti i canottieri di interesse nazionale che hanno scelto Bari come sede per i propri studi (oltre Domenico Montrone, Catello Amarante, Emanuele Fiume, Raffaele Giulivo, Andrea Maestrale, Paola Piazzolla, Clara Guerra, Asja Maregotto) e nei prossimi Campionati Mondiali Universitari di Canottaggio che si terranno in Cina, sono ben 4 gli studenti UNIBA convocati. Presenze di nostri studenti sono previste anche nei mondiali U23 e assoluti. Crediamo strategico questo investimento perché, come diceva Pocock, il canottaggio consente di ottenere, per coloro che lo praticano, il massimo della mente, del cuore e del corpo”. Conclude Silvio Tafuri, Presidente del Comitato per lo Sport Universitario.

“Con il protocollo che sarà firmato con Uniba la Federazione Italiana Canottaggio arricchisce il ventaglio delle offerte per la formazione universitaria. Ritengo che l’attività di alto livello non debba precludere agli atleti e alle atleti di poter perseguire l’ottenimento di un’adeguata formazione universitaria in grado di consentire loro l’ingresso nel mondo del lavoro non appena terminata la carriera agonistica. Ed è grazie a queste iniziative che molti atleti stanno portando a termine, in maniera brillante la carriera universitaria. Per questo auspico una sempre maggiore condivisione di intenti con i vari Atenei e, in maniera particolare, con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro molto sensibile alle esigente degli atleti che praticano il canottaggio”. Afferma il Presidente Giuseppe Abbagnale.

Semplicemente una bella iniziativa.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0