Tempo di lettura: 2 Minuti

Binomio sport-studio utopia? Macché, per UniTrento è solida realtà

Binomio sport-studio utopia? Macché, per UniTrento è solida realtà

L'Università di Trento ha firmato un importantissimo accordo con la Trentino Volley nella speranza di rilanciare il binomio sport-studio. “Mens Sana

VA A FA ‘N BENE: il volontariato dei giovany
Studenti alla regia per il Cinema
3 ministeri per l’alternanza scuola-lavoro: Difesa, Lavoro e Scuola promettono collaborazione

L’Università di Trento ha firmato un importantissimo accordo con la Trentino Volley nella speranza di rilanciare il binomio sport-studio.

“Mens Sana in Corpore Sano” scriveva Giovenale nelle sue Satire, sottolineando l’importanza di tenere contemporaneamente allenati sia il cervello che il fisico. Purtroppo al giorno d’oggi qui in Italia sembra quasi che si sia persa fiducia nell’efficienza del binomio sport-studio.

Sembra, però, perché in realtà qualcuno che è disposto a credere ancora in questa accoppiata vincente c’è. Stiamo parlando della Trentino Volley, società pallavolistica di Trento della massima serie nazionale, che ha deciso di dar vita ad una partnership molto interessante con l’ateneo locale.

L’Università di Trento, infatti, ha appena firmato con la squadra di pallavolo della città un accordo di collaborazione per realizzare un programma di carriera integrata sport-studio. In altre parole gli atleti tesserati con la Trentino Volley avranno la possibilità di integrare la propria carriera agonistica con quella accademica.

L’ateneo trentino metterà dunque a disposizione dei giocatori una serie di servizi e diversi supporti accademici per consentire loro di incastrare al meglio gli impegni sportivi con quelli universitari. L’università, ad esempio, garantirà agli atleti una maggiore flessibilità delle sessioni d’esame.

C’è da dire che la Trentino Volley non è l’unica società sportiva ad aver intrapreso una collaborazione di questo genere con un ateneo. Anche la Tiber Roma, squadra di pallacanestro militante nel campionato di Serie B, ha ufficializzato qualche giorno fa la nascita di una partnership con un’università telematica della capitale: lo IUL (Italian University Line).

Quindi è vero che siamo ancora lontani dalla nascita di un solido binomio sport-studio sul modello di quello americano ma la sensazione è che qualcosa in tal senso si stia muovendo. Per sperare in ulteriori progressi, però, è necessario che le istituzioni non facciano (per usare un termine pallavolistico) muro.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0