Messico, all’università a 12 anni. Scherzo? No, bambino prodigio

Messico, all’università a 12 anni. Scherzo? No, bambino prodigio

Oggi vi raccontiamo la storia del messicano Carlos, un autentico bambino prodigio che ha bruciato le tappe e ad appena 12 anni è già all'università.

Giovani eccellenze a 1.400€ al mese
Irregolare anche il test dell’Università di Pisa ma l’Ateneo fa finta di niente
Conclusa l’inchiesta Magistri : scandalo all’Università degli Studi di Brescia

Oggi vi raccontiamo la storia del messicano Carlos, un autentico bambino prodigio che ha bruciato le tappe e ad appena 12 anni è già all’università.

19 anni per diplomarsi, 22 per laurearsi e se tutto va bene almeno un altro paio per trovare un posto di lavoro abbastanza stabile. Insomma, il nostro percorso di avvicinamento al mondo del lavoro è lungo e tortuoso e bruciare le tappe è praticamente quasi impossibile.

Quasi, perché che ci crediate o no le eccezioni esistono eccome e non sono neanche così tanto rare. Una di queste è Carlos Antonio Santamaria Diaz, studente messicano dell’UNAM, l’Università Nazionale Autonoma del Messico.

Cos’ha Carlos di diverso rispetto ai suoi colleghi? Semplice, ha appena 12 anni. Ebbene sì ragazzi, avete letto bene, stiamo parlando di un vero e proprio bambino prodigio. Un bambino prodigio che non si è accontentato della possibilità di confrontarsi con i suoi coetanei ma è andato oltre, ottenendo l’autorizzazione a frequentare i corsi di Fisica biomedica.

Per conseguire questa autorizzazione Carlos ha dovuto sottoporsi ai test di ammissione, ampiamente superati con il punteggio di 105 (il minimo per entrare era 103). In altre parole non ha ricevuto sconti e ciò aggiunge ulteriore valore alla sua “impresa”.

Ma d’altronde per il nostro bambino prodigio non è una novità raggiungere traguardi “precoci”. All’età di 9 anni, infatti, ha ricevuto un diploma per aver seguito i 3 moduli del corso di “Spettroscopia Infrarossa, Risonanza Magnetica Nucleare e Spettroscopia di Masse”.

Ora, lo so cosa starete pensando; vorreste essere stati anche voi brillanti già in tenera età come lo è Carlos. Beh, purtroppo bambini prodigio si nasce e, come avrebbe detto Antonio De Curtis (in arte Totò) “lui lo nacque”.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0