Tempo di lettura: 1 Minuti

Il latino per scrivere bene

Il latino per scrivere bene

Il latino è sempre più un’arma sottovalutata per combattere l’ignoranza culturale e letteraria del nostro paese. Ma la lingua italiana si può salvare

Valditara, il nuovo capo dell’università italiana?
La scuola boccia le bottigliette di plastica, ecco le borracce “antispreco”
Un istituto per il lusso arriva a Firenze

Il latino è sempre più un’arma sottovalutata per combattere l’ignoranza culturale e letteraria del nostro paese. Ma la lingua italiana si può salvare con esso.

Il latino è un’arma preziosissima per la lingua italiana, per recuperare le abilità di scrittura e di lettura degli studenti e quindi migliorarne la conoscenza generale.
Per questo e altri motivi in molti esperti stanno discutendo sulla possibilità e opportunità di ricollocare lo studio del latino anche nella scuola secondaria di I grado, ossia le medie.

Alle basi di tale ipotesi si colloca così la possibilità che con la lingua degli antichi romani si possa imparare più facilmente a esprimersi e scrivere correttamente in italiano, in quanto il latino considerato lingua plastica, ossia che affina e potenzia la prima.
I miglioramenti sono su più fronti:l’esatta concordanza dei tempi verbali, la consecutio temporum e tutti i costrutti morfosintattici della lingua italiana.

Ripristinandolo si darebbe a una base nazionale di studenti un contributo basilare, a prescindere dalla scelta liceale.
È innegabile inoltre che oggi l’impoverimento linguistico esista e sia radicato nella nuova generazione di studenti, nonostante le lingue classiche non siano morte.

Il liceo classico, in quest’ottica, è ancora la miglior palestra per sfornare giovani preparati nel campo letterario e filosofico, oltre a una maggior garanzia di abilità di scrittura.
Si può, però, ripartire dalle medie.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0