Tempo di lettura: 3 Minuti

Olimpiadi di informatica al via in Giappone

Olimpiadi di informatica al via in Giappone

Partono in Giappone, Tsukuba, le Olimpiadi di informatica, a cui parteciperanno anche quattro ragazzi italiani. Scopriamo maggiori dettagli. Le Olimp

Torino tra seminari su Seneca e “Scuola possibile”
Instagram vale un patrimonio
A colazione con: Mattia Zunino

Partono in Giappone, Tsukuba, le Olimpiadi di informatica, a cui parteciperanno anche quattro ragazzi italiani. Scopriamo maggiori dettagli.

Le Olimpiadi di informatica, anche chiamate Ioi- International Olympiads in informatics, stanno per cominciare a Tsukuba, prefettura di Ibaraki in Giappone.
È la più importante manifestazione informatica competitiva per i giovani a livello mondiale, e ne prenderanno parte anche quattro ragazzi italiani.

Luca Cavalleri, Andrea Ciprietti, Fabio Pruneri e Federico Stazi saranno i componenti della squadra tricolore in corsa per queste sfide.
Le Ioi, nate nel 1989, sono solo una delle sei olimpiadi scientifiche internazionali. Matematica, fisica, chimica, biologia e astronomia le altre, tutte gestite sotto la stessa regolamentazione. A partecipare a questa i giovani talenti delle scuole superiori.

Solitamente infatti ogni paese partecipante invia una delegazione di massimo quattro studenti di età inferiore ai 20 anni e due adulti accompagnatori. Noi come Italia siamo dentro dal 2000, con 47 medaglie in 17 edizioni, suddivise in 2 ori, 20 argenti, 25 bronzi.

A tal fine sono state istituite dal Miur le Olimpiadi italiane di informatica, per valorizzare le eccellenze delle scuole superiori.

La squadra attuale è diventata tale dopo lunghe e rigorose selezioni, partite dall’edizione 2017 e rinforzatesi con le olimpiadi nazionali. La squadra attuale è diventata tale dopo lunghe e rigorose selezioni, partite dall’edizione 2017 e rinforzatesi con le olimpiadi nazionali.

Una settimana di eventi e due giornate di competizione in Giappone, ognuno sul proprio pc risolvendo problemi di natura algoritmica. I nostri sono lì, e speriamo possano farsi valere più che mai!

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0