Tempo di lettura: 3 Minuti

Chummy: l’app per condividere la gentilezza

Chummy: l’app per condividere la gentilezza

Ti è mai capitato di sentirti solo anche in mezzo a tanta gente? Hai bisogno di confidarti con qualcuno o semplicemente avresti bisogno di un favore?

“Rails” il nuovo singolo di Giorgio De Palo
Instagram attacca le fabbriche di likes
Quando la mascherina è “intelligente”, la Top3 delle più hi-tech

Ti è mai capitato di sentirti solo anche in mezzo a tanta gente? Hai bisogno di confidarti con qualcuno o semplicemente avresti bisogno di un favore? #FacceCaso.

Sarebbe bello se ognuno di noi fosse gentile con il prossimo. Purtroppo al giorno d’oggi non è affatto una cosa scontata, così, un gruppo di ragazzi, ha pensato bene che fosse il caso di rimediare con un’app. Oggi ti parlo di Chummy, un’applicazione basata sull’aiuto reciproco, la gentilezza e le menti aperte che ha lo scopo di mettere in contatto le persone e creare una rete d’aiuto.

Ti è mai capitato di sentirti solo anche in mezzo a tanta gente? Hai bisogno di confidarti con qualcuno o semplicemente avresti bisogno di un favore? Basterà chiedere alla community di Chummy e se sei fortunato troverai qualcuno disposto a fare la cortesia di aiutarti, semplicemente per il piacere di farlo. 

In ognuno di noi c’è un potenziale inespresso per poter aiutare chi ha bisogno. Chummy è lo strumento che ci consente di esprimerlo e di accorciare le distanze tra noi e gli altri. 

L’app lascia spazio anche a noi giovani. I Millennials gentili stufi di avere connessioni digitali, potranno compiere azioni caritatevoli basate sulla fiducia e sul contatto diretto con le persone. 

Ad oggi Chummy conta più di 61,000 utenti, attivi anche in Italia.

La nuova frontiera dello sharing economy può essere applicata anche per compiere delle buone azioni. Un gioco a premi in cui la gentilezza è ricompensata con Chummycoins, una cryptovaluta  che consente di poter “pagare” alcuni favori ricevuti, se così si può dire. Insomma, una bellissima iniziativa e un’app che vale assolutamente pena di scaricare.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0