Tempo di lettura: 3 Minuti

Scuola, abbiamo un problema

Scuola, abbiamo un problema

C’è un problema di cattedre non da poco nel nostro sistema scolastico, e non sembra semplice risolverlo. Sei cattedre su dieci rimangono vuote e i sup

Ecco le città più condivise dagli italiani sui social
L’Università di Bolzano fa il punto sulla situazione
WeWorld Index boccia l’Italia, l’istruzione fa acqua

C’è un problema di cattedre non da poco nel nostro sistema scolastico, e non sembra semplice risolverlo. Sei cattedre su dieci rimangono vuote e i supplenti sono in aumento.

Che la scuola italiana possa avere qualche problema è più che assodato, che la situazione così allarmante…serve riflettere.
Dopo anni che si è sentito parlare del numero enorme di docenti precari per mancanza di posti, adesso il paradosso vuole che i posti ci siano, ma non i docenti da assumere. Si è creato un vuoto. Il reclutamento ha dei problemi, e dove il Miur ha chiesto 57.322 nuove assunzioni, solo il 43,8% sono realmente entrate in ruolo.

C’è un problema serio nel reclutamento di insegnanti e professori, lì dove viene meno l’abilitazione tramite concorso, mancante dal 2016. I numeri fanno paura un po’ ovunque. Questi sono il 43,8% complessivo di assunti, ma alle medie i numeri sono peggiori, con 5.710 nomine su 20.999 posti disponibili, il 27%; per non parlare delle superiori, dove solo il 39% è coperto. Situazione da codice rosso riguarda gli insegnanti di sostegno. Qui rischiate di sbiancare: solo il 12,6% è stato assunto, 1.682 su 13.329 posti.

Un anno fa la copertura era quasi il doppio, con 75,6% per 51.773 cattedre, quindi circa 29.841. come si è arrivati a tale peggioramento? La colpa è imputabile alla graduatoria del concorso 2016, ormai esaurita e con un vuoto del 2017, difficilmente colmabile nell’immediato con i tre concorsi in avanzata quest’anno.

Non ci crederete, ma i numeri peggiori, dividendo le aree geografiche, provengono dal nord, con il 37,4% di assunti, contro il 63% del sud e il 41 del centro. Solo alla materna e alla primaria la copertura ha superato il 60%.
Il problema che si pone è importante, perché il numero di precari cresce considerevolmente, le promesse del Miur sono lodevoli, ma le difficoltà dentro le scuole italiane continueranno. A pagare la qualità del sistema e gli studenti.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0