Tempo di lettura: 2 Minuti

Olimpiadi Italiane di Informatica: il nostro Paese è ricco di giovani talenti 

Olimpiadi Italiane di Informatica: il nostro Paese è ricco di giovani talenti 

La conferma che la scuola italiana eccelle nelle materie tecnico-informatiche. #FacceCaso. Sabato 15 settembre presso l’ITST Marconi di Campobasso si

Il senso di colpa. Ma in che senso? Non ha senso, specie in tempo di Covid!
Compiti per le vacanze, i consigli per affrontarli al meglio
Aziende e scuole: quattro opportunità niente male

La conferma che la scuola italiana eccelle nelle materie tecnico-informatiche. #FacceCaso.

Sabato 15 settembre presso l’ITST Marconi di Campobasso si sono svolte le finali delle Olimpiadi Italiane di Informatica. L’edizione 2018 è stata organizzata dal MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e da AICA – Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico ed ha riscosso enorme successo.  

L’evento punta a far emergere e valorizzare gli studenti migliori della scuola italiana in questo settore. Al giorno d’oggi le discipline scientifiche sono fondamentali per lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica sia per la formazione culturale e professionale di noi ragazzi.

A rappresentare il nostro Paese ci hanno pensato ben 90 studenti della scuola secondaria di secondo grado. 35 sono saliti sul podio guadagnando la bellezza di 20 medaglie di bronzo, 10 d’argento e 5 d’oro.

Il primo in assoluto è stato Federico Stazi dell’Istituto Copernico di Udine. Il record per il maggior numero di partecipanti va invece alla regione Lombardia e agli Istituti Fermi di Mantova e Galilei di Trento per il maggior numero di studenti arrivati in finale.

La conferma che la scuola italiana è ricca di giovani talenti nelle materie tecnico-informatiche. Non contenti del recente successo, si guarda già al prossimo anno. 

Le prossime Olimpiadi Italiane di Informatica si terranno a Matera, dove la gara finale si svolgerà presso l’ITST e LS per le scienze applicate Pentasuglia della città. 

Ovviamente possono prendere parte all’evento tutte le scuole secondarie superiori italiane.  Basterà venire iscritti dal proprio docente referente per le Olimpiadi a questo link. Entro fine mese sarà possibile ottenere tutta la modulistica utile a completare l’iscrizione online. Cosa aspetti a partecipare?

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0