Tempo di lettura: 1 Minuti

Lo spread spiegato al mio compagno di banco

Lo spread spiegato al mio compagno di banco

“Spread” significa divario e sta ad indicare la differenza di rendimento tra i titoli di stato italiani a 10 anni (i BTP) e il corrispettivo dei titol

Vuoi lanciare una startup? Ecco i migliori 6 corsi universitari in America

A scuola fateci studiare educazione finanziaria
Scuola, sale il numero degli alunni con disabilità

Spread” significa divario e sta ad indicare la differenza di rendimento tra i titoli di stato italiani a 10 anni (i BTP) e il corrispettivo dei titoli pubblici tedeschi. #FacceCaso.

Hai presente quando tutti parlano di qualcosa ma tu non sai bene di che si tratta? Lo spread è una di quelle cose, diciamocelo. Questi giorni è tornato di moda, si sente al telegiornale, si legge sui siti: in queste ore lo spread è cresciuto di diversi punti facendo preoccupare i nostri politici e non solo.

Cos’è esattamente lo spread? Perché è tanto importante tenerlo sotto controllo e cosa implica per noi il suo aumento?

Spread” significa divario e sta ad indicare la differenza di rendimento tra i titoli di stato italiani a 10 anni (i BTP) e il corrispettivo dei titoli pubblici tedeschi. 

I titoli di stato sono un ottimo indicatore dello stato di salute dell’economia di un paese: più le cose vanno bene, meno i titoli sono rischiosi e gli investitori ottengono rendimenti più bassi.

Il divario (spread) tra i BTP italiani e i Bund tedeschi ci fa capire quanto sia più pericoloso prestare i soldi all’Italia rispetto alla Germania, considerata più affidabile rispetto a noi per via della sua condizione economica. 

Se aumenta lo spread, aumenta pure il debito pubblico: se crescono i tassi di interesse, lo Stato è costretto a spendere di più per finanziare il proprio debito, cioè per pagare gli interessi a chi ha acquistato BTP, dado vita ad un meccanismo da cui è complicato uscire fuori. 

Le oscillazioni di questo valore hanno delle implicazioni  non solo nei confronti dell’economia nazionale, ma vanno direttamente ad intaccare il nostro guadagno.

Le aziende italiane a causa della crescita dei tassi d’interesse, hanno difficoltà ad accedere al credito diventando meno competitive rispetto a quelle straniere.

In piccolo, per farti capire, questo effetto negativo fa aumentare il costo dei mutui e dei prestiti per noi cittadini che acquisteremo e investiremo sempre meno per sopperire alla crescita di queste spese, come un cane che si morde la coda. 

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0