Piemonte, alla scoperta di “Barot”, un’università da…cani

Piemonte, alla scoperta di “Barot”, un’università da…cani

La piemontese “Barot” è un'università decisamente particolare perché è riservata ai nostri amici a quattro zampe, i cani. Scopriamo cosa imparano. “I

Fuori “Aurora”, terzo album de I Cani
Dogalize: il social network che dona cibo agli animali abbandonati
Novità dal Sol Levante: arriva lo yoga per cani

La piemontese “Barot” è un’università decisamente particolare perché è riservata ai nostri amici a quattro zampe, i cani. Scopriamo cosa imparano.

“Il cane è il miglior amico dell’uomo” si dice spesso; la vera domanda è: “l’uomo è il miglior amico del cane?”. Io dico di no e non perché alcuni di noi arrivano persino ad abbandonare il proprio in autostrada ma perché verso i cani gli esseri umani nutrono sentimenti ambivalenti.

L’amore che proviamo nei loro confronti, infatti, spesso lascia il posto all’invidia. Già, l’invidia; d’altro canto vi sarà capitato almeno una volta di desiderare di essere al posto del vostro cane, così da non avere pensieri e preoccupazioni, come ad esempio il lavoro, la scuola o l’università.

Ma se vi dicessimo che l’uomo non è l’unico essere vivente sulla faccia della Terra a dover, che so, andare all’università? Se vi dicessimo che persino alcuni cani sono sottoposti alla vostra stessa “tortura”? Sareste ancora invidiosi di loro? No, e allora ve lo diciamo: anche i cani vanno all’università.

Un’università tutta per loro, dalla quale escono laureati e soprattutto capaci; capaci di trovare i tartufi. Sì, perché l’Università “Barot” di Roddi (Piemonte) vi offre, al prezzo di 500 euro, la possibilità di trasformare il vostro cane in un perfetto segugio.

Come? Attraverso un addestramento che comincia con esercizi di base e giochi e che culmina in vere e proprie ricerche simulate nei boschi. A dirigere la scuola c’è Giovanni Monchiero, il quale sostiene con convinzione che la razza non c’entra; per essere de buoni segugi contano l’istinto e l’olfatto.

Caratteristiche che potrebbe avere anche il vostro chihuahua o il vostro bassotto, perché no. Quindi se ne possedete uno, se amate i tartufi e se soprattutto avete 500 euro che non sapete come spendere perché non fare un salto alla “Barot”? D’altronde potrebbe essere un ottimo investimento se il vostro cane si scopre capace (oggi un cane da tartufo vale circa 10.000 euro). Roba da…FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0