Tempo di lettura: 1 Minuti

Westudents: la nuova app per gli studenti

Westudents: la nuova app per gli studenti

Immagina di racchiudere la tua vita da studente in un’app. Westudents contiene i tuoi voti, le circolari, gli eventi e tutto ciò che ti riguarda in pr

Instagram, le stories per le scuole!
Holly e Benji sbarcano su smartphone: arriva l’app “Captain Tsubasa: Dream Team”
McDonalds delivery: ora si può!

Immagina di racchiudere la tua vita da studente in un’app. Westudents contiene i tuoi voti, le circolari, gli eventi e tutto ciò che ti riguarda in prima persona. #FacceCaso.

Hai mai sentito parlare di Westudents? Si tratta di un’app nata con lo scopo di migliorare la comunicazione tra scuola e studenti.

Nonostante la startup non abbia speso soldi in pubblicità, ha riscosso enorme successo tra i giovani. Westudents vanta la bellezza di 11mila follower su Facebook raccolti in poco più di un mese, 140mila “impression” registrate in un solo giorno sul sito e oltre 10mila download nelle prime dodici ore dal lancio dell’app.

Per adesso il software ha ottenuto la medaglia d’oro in classifica nella categoria “istruzione” di Google Play e l’ottavo posto nell’App Store Italia.

L’idea nasce da laureandi in economia, informatica, data science, ingegneria e design di età compresa fra i 19 e i 22 anni.

Come funziona? Semplice. Immagina di racchiudere la tua vita da studente in un’app. Westudents contiene i tuoi voti, le circolari, gli eventi e tutto ciò che ti riguarda in prima persona. Ti basterà scaricare l’app, selezionare la tua scuola e classe e la piattaforma funziona come un social network.  Potrai interagire con i tuoi compagni di classe per condividere informazioni come l’orario delle lezioni, i compiti e le interrogazioni.

Insomma, l’idea è geniale ed è proprio quello di cui i ragazzi italiani avevano bisogno: il modo migliore per creare una community per studenti. Riuscirà Westudents ad ottenere fondi e migliorare il suo sviluppo? Ce lo auguriamo tutti. Tu intanto scaricala, non te ne pentirai.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0