Leggimi: l’app per aiutare chi ha difficoltà a leggere

Leggimi: l’app per aiutare chi ha difficoltà a leggere

Al giorno d’oggi non si legge solo sui libri. Per istruirsi vengono impiegati computer, tablet e smartphone. Chi è dislessico però ha molte difficoltà

Lifestage è sempre più vicino!
Solo due università di Pisa tra le prime 200 al mondo. Flop italiano
Nuove indagini sulla disoccupazione giovanile

Al giorno d’oggi non si legge solo sui libri. Per istruirsi vengono impiegati computer, tablet e smartphone. Chi è dislessico però ha molte difficoltà anche a leggere su questi strumenti. Leggimi nasce proprio per trovare una soluzione a tale problema. #FacceCaso.

Sinnos, piccola casa editrice romana, ha creato un’app gratuita per aiutare chi ha difficoltà a leggere. Sto parlando di Leggimi, il software per rendere libri e lettura accessibili a tutti. 

Nel 2006 Sinnos ha progettato una font per chi ha difficoltà di lettura e per aiutare i ragazzi dislessici. La font viene usata in clinica da un gruppo di neuropsichiatri e logopedisti per aiutare i giovani lettori.

Al giorno d’oggi non si legge solo sui libri. Per istruirsi vengono impiegati computer, tablet e smartphone. Chi è dislessico però ha molte difficoltà anche a leggere su questi strumenti. Leggimi nasce proprio per trovare una soluzione a tale problema.

Ma come funziona esattamente l’app? Basterà applicare sui pdf la font leggimi Sinnos. Potrai selezionare il carattere minuscolo (font leggimi) e maiuscolo (LeggimiPrima). Ti sarà inoltre possibile aumentare la leggibilità del testo giocando con la grandezza delle parole, la spaziatura tra le righe e la suddivisione del testo in paragrafi.

Il bello è che è possibile anche navigare sul web con la font Leggimi. Basterà collegarti a www.sinnnos.org/leggimiweb e inserire l’URL del sito che vuoi visitare. Per la realizzazione dell’app è stato fondamentale l’aiuto del team di esperti neuropsichiatri e logopedisti, accompagnati da programmatori e sviluppatori per il web oltre che il riscontro diretto degli utenti.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0