Tempo di lettura: 2 Minuti

Le priorità degli Italiani: si spende 5 volte di più in alcol e tabacchi che per l’università

Le priorità degli Italiani: si spende 5 volte di più in alcol e tabacchi che per l’università

Vi siete mai chiesti quali sono le priorità degli italiani in termini di spese? Sicuramente non l'istruzione. Una ricerca rivela che si spende 5 volte

Contro l’abuso di alcol un video della Scuola di Cinema Luchino Visconti
Alcosynth, bere senza postumi
Scusi, dove posso trovare l’etilometro?

Vi siete mai chiesti quali sono le priorità degli italiani in termini di spese? Sicuramente non l’istruzione. Una ricerca rivela che si spende 5 volte di più in alcol e tabacchi piuttosto che nell’università.

Una ricerca di Talents Venture basata su dati Istat e Ocse rivela le priorità degli italiani. Nello specifico per ogni euro che viene speso nell’università altri 5,5 euro sono spesi in alcol e sigarette. Che ne pensate?

I valore dei vizi

Quanto ci costano i vizi in Italia? Tanto, sicuramente troppo. Spendere cinque volte di più in vizi piuttosto che nell’educazione universitaria mi sembra esagerato. In totale vengono spesi 43,48 miliardi di euro in alcol e tabacchi, mentre per l’università vengono spesi 8,2 miliardi di euro.

Andiamo a vedere nel dettaglio cosa significano questi numeri. In media le famiglie italiane ogni mese spendono solo lo 0,96% del loro budget per l’università. Se andiamo a guardare all’istruzione in generale, invece emerge che in Italia la spesa pubblica e privata per l’istruzione è solo lo 0,92%. Un dato decisamente basso se confrontato con quello di altri Paesi. Per esempio degli USA si spende in istruzione (pubblica e privata) il 2,58%.

Esistono delle differenze

Ovviamente stiamo parlando di medie, quindi ci saranno famiglie che spendono molto di più della media in università, come anche quelle che si attestano ben sotto alla media. Per esempio, anche qui il grado di istruzione delle famiglie influenza le scelte di vita. Dalla ricerca si evince come le famiglie meno istruite arrivino a spendere in alcol e tabacchi 20 volte in più rispetto a quanto non spendano in università.

Ma a differenza di quanto si possa pensare, le famiglie che più delle altre spendono in università non sono le più ricche: sono quelle appartenenti alla classe medio-alta. I “ricchissimi” invece, spendono veramente poco di più dei più poveri nell’istruzione universitaria.

Che ne pensate? Vi eravate mai fermati a ragionare su questo tema?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0