Tempo di lettura: 1 Minuti

Jobby: l’app che ti aiuta a trovare lavoro

Jobby: l’app che ti aiuta a trovare lavoro

Una volta ricevute le candidature, l’offerta migliore sarà quella presa in considerazione dall’azienda. Sei sei tu il fortunato, il tuo smartphone ti

Teramo: aggressione all’Itis di Giulianova
Zapptales: le chat whatsapp come album di famiglia
Ogni drink è un’emozione

Una volta ricevute le candidature, l’offerta migliore sarà quella presa in considerazione dall’azienda. Sei sei tu il fortunato, il tuo smartphone ti invierà una notifica push. Trovare lavoro non è mai stato così semplice. #FacceCaso.

Jobby è un’app che nasce con l’intento di mettere in contatto domanda e offerta di lavoro che sta letteralmente spopolando sui social e a Milano. 

Funziona in modo molto semplice: chi offre lavoro, a prescindere di quanto strano esso sia, pubblica il proprio annuncio sull’app e lo inserisce in una determinata categoria. Se la categoria non esiste può tranquillamente inventarla!

Se invece sei un lavoratore, potrai per prima cosa definire l’area dove vuoi ricercare un’occupazione. Filtrando le offerte di lavoro potrai conoscerne i dettagli e scegliere quella che fa al caso tuo.

Visualizza il profilo del privato o dell’azienda che sta cercando un lavoratore. Una volta trovata l’offerta più adatta a te, candidati direttamente sull’app. Potrai scaricare Jobby sia su iOs che su Android.

Una volta ricevute le candidature, l’offerta migliore sarà quella presa in considerazione dall’azienda. Se sei tu il fortunato, il tuo smartphone ti invierà una notifica push.

Cosa super importante: tutti i lavoratori sono coperti da assicurazione contro eventuali infortuni o danni a terzi.

Portato a termine un lavoro, il lavoratore lo notifica sempre tramite l’app. Il datore confermerà che l’attività sia stata completata ed effettuerà il pagamento dovuto. A fine collaborazione, entrambi dovrete lasciare una recensione della controparte valutandola con un rating da una a cinque stelle. Trovare lavoro non è mai stato così semplice.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0