Tempo di lettura: 3 Minuti

Docenti italiani tra i meno rispettati al mondo

Docenti italiani tra i meno rispettati al mondo

La verità è che gli studenti non rispettano più i professori e questa cosa non va decisamente bene anche perché, a quanto pare, incide pure sulla dida

Nuova messaggistica per Instagram?
150 dipendenti per il primo Starbucks italiano!
Consegna certificati vaccini entro il 10 settembre

La verità è che gli studenti non rispettano più i professori e questa cosa non va decisamente bene anche perché, a quanto pare, incide pure sulla didattica. #FacceCaso.

Non è una novità che negli ultimi anni i nostri docenti vengano trattati sempre peggio. Genitori che sputano addosso alla maestra, studenti che legano il prof alla sedia, insulti vari, cestini bruciati in classe e chi più ne ha più ne metta.

Stando a quanto emerso del Global teacher status index, che ha preso a campione 35mila intervistati tra i 16 e i 65 anni, il nostro paese è al 33 posto su 35 per quanto riguarda la condizione degli insegnanti.

La verità è che gli studenti non rispettano più i docenti, e questa cosa non va decisamente bene anche perché, a quanto pare, incide pure sulla didattica. I nostri studenti sono a fondo classifica anche per quanto riguarda i test internazionali Pisa di matematica e lettura.

Come si legge su Repubblica. ”Questo indice fornisce finalmente una prova accademica a qualcosa che abbiamo sempre saputo istintivamente: il legame tra lo status degli insegnanti nella società e il rendimento dei bambini a scuola. Ora possiamo affermare senza ombra di dubbio che il rispetto degli insegnanti non è solo un importante dovere morale, ma è essenziale per i risultati scolastici di un paese”. Ha fatto sapere Sunny Varkey della Varkey foundation per ricordare quanto sia importante il ruolo del professore nella costruzione del futuro del pianeta e degli studenti.

Dal 2013 ad oggi, gli italiani pensano che il rispetto degli alunni per gli insegnanti sia passato dal 20% al 16%. L’Italia sta anni luce indietro rispetto alla Cina, dove gli alunni rispettano i propri insegnanti nell’81% dei casi. Se continuiamo di questo passo dove andremo a finire?

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0