Tempo di lettura: 3 Minuti

Università di Foggia: panchine speciali per sponsorizzare la lettura

Università di Foggia: panchine speciali per sponsorizzare la lettura

Queste speciali “panchine” derivano dal famoso progetto londinese Books about Town. #FacceCaso. L’Università di Foggia ha avuto un’idea davvero origi

Un mondo di app per un mondo di donne
Hold: l’APP per non usare il cellulare. Ma in che senso?
Instagram: visibili gli screenshot alle storie

Queste speciali “panchine” derivano dal famoso progetto londinese Books about Town. #FacceCaso.

L’Università di Foggia ha avuto un’idea davvero originale. Grazie all’aiuto della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia e dell’Accademia di Belle Arti, sono state inaugurate delle sedute a forma di libro.

Queste speciali “panchine” derivano dal famoso progetto londinese Books about Town ed hanno l’intento di  celebrare la letteratura italiana, con delle vere e proprie opere d’arte che arricchiranno gli esterni dei Dipartimenti dell’Ateneo.

Come si legge su La Gazzetta del Mezzogiorno. “Sono molto felice di aver dato vita a questo progetto. Le panchine letterarie in tutta Europa hanno raccolto consensi e affascinato persone di tutte le età, perché è un progetto ricco di significato, mira a far appassionare, i più giovani e non, alla lettura, all’amore per i libri, all’arte, ma anche a promuovere le eccellenze nazionali e locali.

Abbiamo scelto le opere privilegiando nostri laureati Honoris Causa, come Dacia Maraini (Laurea in Progettista e dirigente dei servizi educativi e formativi – 18 novembre 2010) e Niccolò Ammaniti (Laurea in Filologia, Lettere e Storia – 17 gennaio 2017). Sono, inoltre, entusiasta per la bella collaborazione tra istituzioni.

Tre importanti realtà del territorio hanno, infatti, lavorato insieme ottenendo un ottimo risultato, offrendo una piccola opera d’arte all’Università, ma anche all’intera città. Grazie, dunque, al prof.

Aldo Ligustro, presidente della Fondazione Monti Uniti di Foggia da sempre attenta alla promozione del territorio e all’implementazione dell’arredo urbano e al prof. Pietro Di Terlizzi, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Foggia, prezioso punto di riferimento per lo sviluppo e la salvaguardia dei linguaggi artistici”. Ha dichiarato il magnifico rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci.

“Promuovere la lettura, creare interesse per le arti, abbellire la città: tre ambiti d’intervento che caratterizzano l’azione della Fondazione da più di un ventennio. Da questa semplice considerazione è nato il nostro interesse ed il conseguente sostegno ad un’operazione culturale di alto profilo, che ha il merito di inserire idealmente Foggia in un percorso già intrapreso con successo da grandi metropoli italiane e straniere.

Un importante segnale di crescita del territorio sublimato dalla sinergia nata tra le Istituzioni coinvolte, seppur diverse, tuttavia accomunate da un unico obiettivo: la valorizzazione dei nostri talenti, delle nostre bellezze, della nostra tradizione. L’esperienza maturata in questo settore insegna che molto spesso sono i piccoli interventi a raccogliere i migliori risultati, a lasciare il segno.

Noi siamo convinti che progetti di questo tipo possono avere ricadute positive enormi sulla vita reale delle persone, anche se è difficile quantificarne la portata. Ciò nonostante, guardando queste splendide panchine, non posso che sentirmi ottimista”. Ha affermato il presidente della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, Aldo Ligustro.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0