Tempo di lettura: 3 Minuti

Su Netflix arriva Baby e si parla di squillo e Parioli

Su Netflix arriva Baby e si parla di squillo e Parioli

La serie tv che racconta la vicenda del 2014 sulle baby squillo ai Parioli arriva su Netflix. Si tratta della seconda originale italiana, in onda dal

All Night Long: Gianluigi Sorrentino chiama sul set i rapper italiani
Il cinema rende UNI-CI
Animali Fantastici 2, tra botteghino e perplessità

La serie tv che racconta la vicenda del 2014 sulle baby squillo ai Parioli arriva su Netflix. Si tratta della seconda originale italiana, in onda dal 30 novembre.

Da domani potrete mettere alla prova la seconda produzione italiana di Netflix, ossia Baby. Non è una storia puramente di fantasia (anche se abbastanza rivisitata), ma si fonda su un fatto che nel 2014 sconvolse la Roma bene, mettendo in mezzo molte persone illustri di Parioli e quartieri limitrofi, per uno scandalo che ha travolto “l’alta società” Capitolina.

La storia di fondo è la stessa, anche se qui un po’ sembra richiamare certi tratti anche di Elite, l’altra serie di successo Netflix, in questo caso spagnola.
Le protagoniste sono due ragazze minorenni proprio di queste zone (nella versione reale avevano 14 e 15 anni), che si prostituiscono per soldi, vestiti e droghe.

Qui l’ambientazione è in un immaginario liceo elitario, il Collodi, in cui si scoprono le vite dei ragazzi che lo frequentano, i loro problemi, i lati oscuri, la ricerca del limite. Protagoniste Chiara, interpretata da Benedetta Porcaroli, Ludovica interpretata da Alice Pagani, le due ragazze che, in cerca di legami e sicurezze, si troveranno complici in questa storia. Poi ci sono altri personaggi come Fabio, ragazzo gay che rifiuta la sua natura interpretato da Brando Pacitto. Anche gli adulti sono importanti in questa storia, come la mamma borghese Isabella Ferrari o l’intermediario dei clienti Paolo Calabresi.

La serie sarà divisa in 6 episodi e andrà in onda in 190 paesi. Netflix spera sia il successo Made in Italy che sta ricercando da un po’.

Un altro caso tutto italiano (anche se forse queste cose accadono altrove) raccontato in una serie che potrebbe scatenare non poche polemiche. Non ci resta che aspettare la prima puntata, speranzosi e attenti… per i romani sarà comunque un evento di “cinema” molto interessante.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0