App 2018, le migliori per Google Play

App 2018, le migliori per Google Play

Google Play ha deciso, in vista della fine dell’anno, di premiare le migliori app del 2018. Tra queste Tik Tok, FaceTune, ma molte altre ancora. Il 2

Ma la Pasqua a tavola è meno tradizionale?
Il Liceo Classico suona la carica: boom di iscrizioni!
Anche Zuckerberg fa mea culpa

Google Play ha deciso, in vista della fine dell’anno, di premiare le migliori app del 2018. Tra queste Tik Tok, FaceTune, ma molte altre ancora.

Il 2019 sta arrivando, e così si cominciano a chiudere i conti di questo 2018. Ecco ad esempio che Google Play Store ha ben pensato di selezionare le miglior app dell’anno, in base a specifiche valutazioni e il maggior numero di download verificatisi.
E allora quali sono state? Lo store di Google non ha stilato una classifica generale, ma è andata a dividere le vincitrici per categoria, dalle più divertenti a quelli migliori per gli impegni quotidiani.

Ad esempio, se prendiamo la categoria app più divertenti, trionfano alcune come VIMAGE, per la trasformazione di immagini statiche in Live Photos. Poi No Draw, per colorare immagini pixelate a proprio piacimento. Neverthink, permette di avere una divisione per categoria di video in nome della spensieratezza. TikTok poi è forse la più popolare tra tutte, perché permette di cantare i brani famosi e renderli simpatici video. Infine tra questa categoria anche Scout FM, con un sacco di contenuti in formato podcast relativi a interessi e al tempo a disposizione.

Ci sono anche le cosiddette “chicche nascoste”, ossia applicazioni che potrebbero rilevarsi stra popolari in futuro, e che ora stanno conquistando utenti un po’ alla volta.
In questo caso abbiamo SLOWLY, per l’esperienza delle lettere di un tempo, creare una storia di amicizia di penna con cui condividere interessi e passioni. Ma c’è anche Unfold, per creare contenuti utilizzando template eleganti e minimali.

Just a Line invece permette di disegnare e divertirsi con la realtà aumentata. Tra le altre riconosciute poi BuzzFeed, Canva, Notion e FaceTune.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0