Niente sponsor a Capodanno per Roma

Niente sponsor a Capodanno per Roma

Gli sponsor a Roma quest’anno non si sono fatti vivi, e così il conto per la festa di Capodanno lo pagherà direttamente la città. Gli sponsor foraggi

Per l’Agi il 2017 verrà ricordato per i giovani quali migliori italiani
Capodanno del fuorisede: cronache di chi è lontano da casa
I 5 regali di Natale a costo zero per fare un figurone!

Gli sponsor a Roma quest’anno non si sono fatti vivi, e così il conto per la festa di Capodanno lo pagherà direttamente la città.

Gli sponsor foraggiano da anni le grandi città per gli eventi principali. È un beneficio per tutti, lo sponsor che si fa pubblicità e la città che non deve sborsare nulla per grandi eventi.
Capodanno è un caso emblematico, con metropoli quali Londra e New York che macinano milioni su milioni in partnership per le feste di “piazza”. Anche Milano copre così i costi del concerto del Duomo. Roma invece non ha trovato un finanziatore, come invece successo per l’albero pagato Netflix.

Toccherà quindi al Comune pagarne il costo di organizzazione, ergo i romani con le loro tasse.
Non si parla di un prezzo bassissimo, bensì di un investimento importante, come riferito dal vicesindaco Luca Bergamo, con delega alla cultura: «Il costo è stimato in circa 1 milione e 500mila euro».

L’evento è uno dei più attesi in Europa. Il concerto che si svolge al Circo Massimo ha sempre avuto un richiamo importante, sia di artistiche di pubblico. basti pensare a quello del 2015, con 150.000 persone, o del 2014 con mezzo milione.
Incredibilmente i finanziatori non si sono però fatti vivi, e così nessuno si è aggiudicato l’appalto per organizzare la festa, nemmeno quelle dello scorso anno.

“La verità è che gli operatori hanno avuto difficoltà a reperire le sponsorizzazioni necessarie per organizzare l’evento. Ce lo hanno detto a ottobre e a quel punto ci siamo assunti noi la responsabilità, d’altronde il nostro intervento era indispensabile per garantire la manifestazione”.
Anche nel 2016 era successo un caso analogo, lì ancora più triste, dato che per mancanza di soldi era saltato proprio il concerto e la Capitale era rimasta asciutta. Almeno in questo caso non si è arrivati a tanto, proprio grazie all’intervento last minute del Comune.

Ma a questo punto, quale programma per il concertone? Il 31 notte l’esibizione principale sarà quella di Vinicio Capossela, ma la serata sarà aperta dalla Piccola Orchestra di Tor Pignattara, a seguire i Kitonb, una compagnia di «teatro estremo» che lavora con gigantesche scenografie volanti. Passato il brindisi di mezzanotte, ecco arrivare Achille Lauro, con tema conduttore del tutto la luna. Fino alle 3 poi ci saranno i dj.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0