Tempo di lettura: 3 Minuti

Nextdoor, l’app per il vicinato e i mercatini di Natale

Nextdoor, l’app per il vicinato e i mercatini di Natale

I vantaggi? Sempificare i rapporti con l’amministrazione. Geniale no?! #FacceCaso. Che Natale sarebbe senza mercatini? Con l’era digitale però, anche

Vandali in alcune scuole di Napoli
Laurearsi in Videogiochi ed Animazione: corso triennale in Campania
Ami i viaggi ” on the road “?! Ecco le app che fanno per te!

I vantaggi? Sempificare i rapporti con l’amministrazione. Geniale no?! #FacceCaso.

Che Natale sarebbe senza mercatini? Con l’era digitale però, anche questa tradizione si fa più moderna e diventa a portata di app. Sotto questo punto di vista Milano come al solito sta un passo avanti, è per questo che la piattaforma americana Nextdoor ha deciso di offrire spazi online dedicati a ciascuno dei 235 micro quartieri in cui è stata suddivisa la città.

Per iscriverti dovrai inserire il tuo indirizzo, che viene verificato tramite la geolocalizzazione del cellulare o con l’invio a domicilio di una cartolina con un codice. 

“In questo modo garantiamo l’identità delle persone” ha spiegato Amedeo Galano, a capo della community italiana.
A partire da settembre ad oggi, il 70 per cento dei quartieri milanesi ha preso vita e nel periodo pre-natalizio si sono moltiplicati gli eventi di quartiere.

Come si legge sul Corriere della Sera. “L’obiettivo della piattaforma è fare interagire i cittadini, grazie a uno spazio dedicato, privato e sicuro. È possibile suddividere i messaggi per categoria, dai suggerimenti al tema della sicurezza e inviare comunicazioni ai singoli utenti”. Prosegue Galano.

Su Nextdoor puoi diventare ambasciatore, un iscritto speciale che ha responsabilità particolari ed è vero e proprio punto di riferimento per la community. Per rendere il tutto più sicuro, sull’app lavorano anche alcuni moderatori che eliminano i contenuti fuori tema, come le pubblicità.

Questo tipo di app è nato con la “Fondazza social street” di Bologna nel 2013. Il boom a Milano si è registrato nel 2014. Lo scorso anno il Comune ha provato a ufficializzare queste realtà invitandole ad aderire a un apposito albo, che finora conta 30 iscrizioni. I vantaggi? Sempificare i rapporti con l’amministrazione. Geniale no?!

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0