Tempo di lettura: 3 Minuti

5 trucchi e consigli utili per far risaltare il tuo Curriculum Vitae

5 trucchi e consigli utili per far risaltare il tuo Curriculum Vitae

Qualsiasi proposta e candidatura nel mondo del lavoro al giorno d’oggi non può prescindere dalla presentazione del proprio Curriculum Vitae, un docume

Il curriculum perfetto: gli errori da non fare assolutamente!
LinkedIn, i curricula diventano Storie, con la “s” maiuscola
Fuga di cervelli: dalla laurea al “travelling yoga teacher”

Qualsiasi proposta e candidatura nel mondo del lavoro al giorno d’oggi non può prescindere dalla presentazione del proprio Curriculum Vitae, un documento immancabile per potersi presentare al meglio ad un datore di lavoro.

Oggigiorno esistono diverse piattaforme che di consentono di redarre il cv e che permettono di effettuare il download del Curriculum Vitae in totale efficienza.

Che si presenti una o l’altra versione, in entrambi i casi è necessario scrivere il CV prestando attenzione ai minimi particolari, ovvero la base da cui si deve partire per realizzare un documento in grado di saltare all’occhio del lettore. Non basta più, infatti, compilare un semplice documento riassuntivo: esso deve saper convincere.

Vediamo in questo articolo 5 trucchi e consigli particolarmente utili per rendere degno di nota il vostro Curriculum, in grado quindi di catturare e conquistare la fiducia del datore di lavoro cui lo state consegnando.

  1. L’importanza del primo impatto: la prima frazione del Curriculum Vitae. Un consiglio che all’apparenza può sembrare banale: il primo impatto all’apertura del Curriculum. Se possibile, inserite già dalle prime righe le vostre competenze ed esperienze passate. Il lettore non avrà tempo di leggere tutti i Curriculum da cima a fondo, e il suo occhio cadrà subito sugli aspetti fondamentali: ciò che lui cerca, e ciò che voi siete in grado di offrire.
  2. Favorite una lettura facile. Un requisito fondamentale per un CV di spicco è la leggibilità. Chi si trova a leggere il vostro documento infatti non trascorrerà più di sei secondi nella lettura del vostro cv. Utilizzate font semplici, e soprattutto siate essenziali: evitate tutto ciò che è superfluo. Attenzione agli errori grammaticali: che non gettano buona luce sul vostro Curriculum.
  3. Impiegate una suddivisione chiara dei contenuti. Impiegate titoli chiari da distinguere (con la giusta colorazione), spaziature consistenti, e magari suddivisioni in tabelle: i datori di lavoro solitamente scorrono il documento, ed è inevitabile che l’occhio viene colpito per lo più da strutture ben organizzate. Sono da preferire ad esempio elenchi puntati; se inserite porzioni di testo, come una breve presentazione, adoperate spaziature e paragrafi piuttosto che blocchi unici. Attenzione a non rendere il tutto troppo sofisticato: potrebbe distrarre il lettore ma, soprattutto, un software di scansione ATS potrebbe bloccare il vostro Curriculum in quanto illeggibile.
  4. Focalizzatevi sui risultati ottenuti. I datori di lavoro apprezzano in modo particolare eventuali risultati da voi ottenuti. Date particolare peso a questi, evidenziandoli in maniera chiara, senza adoperare toni trionfali o autocelebrativi. Se possibile inserite statistiche e numeri, che presentano nel modo migliore ciò che avete ottenuto.
  5. Sfruttate le parole chiave. È un consiglio fondamentale, anche e soprattutto per superare le selezioni dei software ATS. Utilizzate le parole chiave adoperate anche nell’eventuale offerta di lavoro, dimostrando di essere competenti nel vostro settore. I software ATS d’altro canto troveranno corrispondenza con le ricerche, facendo passare positivamente la selezione del vostro Curriculum.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0