Tempo di lettura: 3 Minuti

Europa macht Schule: Erasmus “al contrario”

Europa macht Schule: Erasmus “al contrario”

Gli studenti Erasmus diventano professori con Europa Macht Schule. Sono in Erasmus in Germania e la mia casella mail dell'università viene intasata o

Dolci sì o no? Ecco perché ci piacciono tanto
Scuola, il Ministro Fioramonti: “Dobbiamo tornare a garantire l’ascensore sociale”
Bravo studente? Paghi meno l’università!

Gli studenti Erasmus diventano professori con Europa Macht Schule.

Sono in Erasmus in Germania e la mia casella mail dell’università viene intasata ogni giorno da tantissime mail. Tra feste universitarie e esami ne ho subito notata una, in tedesco, che mi parlava del progetto Europa Macht Schule.

Non farti spaventare dal tedesco come ho fatto io, vuol dire semplicemente “L’Europa incontra la scuola” ed è un po’ un Erasmus al contrario. Nel senso che l’Erasmus ti permette di vivere e studiare in un paese completamente diverso dal tuo. Invece, questo progetto fa sì che tu vada nelle scuole a raccontare la tua cultura e il tuo paese.

“È importante per combattere la paura di qualcosa di diverso” dice una professoressa nel video di presentazione del progetto. È un momento di condivisione molto potente, dove i ragazzi comprendono che trasferirsi in un altro paese per studiare è una cosa difficile. Ma allo stesso tempo è bellissima.

Tra il 2006 e il 2018, Europa Macht Schule è riuscito a portare circa 2000 studenti stranieri nelle scuole tedesche e ha raggiunto quasi 50.000 studenti delle scuole superiori in Germania. L’unico prerequisito che viene richiesto è di essere uno studente straniero in un’università tedesca o in una Fachhochschule, l’equivalente delle nostre scuole di Alta formazione. Ah ovviamente è richiesto un livello minimo di tedesco, il B1, affinché tutto possa essere compreso dai ragazzi delle superiori.

È un’occasione a doppio senso, da una parte i ragazzi stranieri si sentono un pochino più integrati nella cultura tedesca, che non è così semplice come può sembrare; dall’altra aiuta i più piccoli a superare la paura di viaggiare e di muoversi in un paese diverso. Aiuta a rendere reale l’idea d’Europa, di scambio di culture, di “cittadinanza europea” che tutte le istituzioni stanno cercando di implementare.

Il progetto ha raggiunto 35 università sul territorio tedesco e continua ad attrarre tutti i ragazzi che hanno scelto la Germania come meta del proprio Erasmus. Però stai attento, il progetto di svolge nel secondo semestre, se come me, andrai a casa a Febbraio non potrai partecipare. Eppure io un pensierino l’avevo fatto.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0