Tempo di lettura: 3 Minuti

Perchè l’acqua è trasparente ma la neve è bianca?

Perchè l’acqua è trasparente ma la neve è bianca?

Quale fenomeno fisico spiega il fatto che l’acqua, trasparente quando liquida, diventi bianca semplicemente solidificandosi e trasformandosi in neve?

Buon compleanno I Have a Trip: da due anni girando il mondo. La seconda intervista di FacceCaso
Controcorrente, il progetto per salvare le nostre acque. L’intervista di FacceCaso!
Rinunceresti al tuo smartphone per un anno intero? E in cambio di 100mila dollari?!

Quale fenomeno fisico spiega il fatto che l’acqua, trasparente quando liquida, diventi bianca semplicemente solidificandosi e trasformandosi in neve?

Prima di tutto occorre chiarire cosa si intende per “bianco”. Anche se si parla di neve. Milioni di volte ci siamo sentiti ripetere che, di fatto, questo non è neanche un colore, ma la semplice combinazione di tutti quelli visibili. Altre volte ci è stato invece detto che bianchi ci appaiono quei corpi che, al contrario, di colore non ne hanno. E, come spesso cade, la verità sta nel mezzo, e alloggia in entrambe queste affermazioni.

La luce

Se parliamo di luce bianca, come quella che quotidianamente ci scalda e illumina provenendo dal sole, è giusto parlare del bianco come dell’insieme di tutti i colori dello spettro del visibile. Nel 1666, sir Isaac Newton scoprì che questa luce può essere scomposta in un arcobaleno di colori semplicemente facendola passare attraverso un pezzo di vetro triangolare, più precisamente un prisma triangolare. Successivamente egli stesso dimostrò che tutti questi colori erano effettivamente presenti nella luce bianca originaria.

Gli oggetti

Se invece rivolgiamo l’attenzione agli oggetti che percepiamo come bianchi, il discorso è diverso: il colore che noi “vediamo” è di fatto l’unico che l’oggetto non trattiene. Un maglione rosso ci appare tale, ad esempio, perché il colore rosso è l’unico che dall’oggetto viene riflesso in direzione dei nostri occhi. E gli oggetti bianchi? Semplice, essi riflettono tutti i colori e i nostri occhi li vedono quindi bianchi. Le loro molecole non consentono l’assorbimento di nessuna delle infinite componenti della luce bianca, che viene quindi riflessa senza che essa subisca alterazioni.

La neve

Ma torniamo alla neve.

La neve è quindi bianca perché le sue molecole rimandano verso i nostri occhi tutti i colori della luce solare, bianca anch’essa. Non assorbe selettivamente nessun colore particolare.

Ma un attimo? Se a comandare il gioco sono le molecole, perché lo stesso non accade per l’acqua, di composizione assolutamente identica alla neve e di “colore” così diverso? Perché l’acqua è trasparente?
La risposta è semplice, più semplice di quanto possiate immaginare. L’acqua è banalmente un pessimo riflettore. La luce che la raggiunge non viene assorbita, perché così come accade per la neve le molecole che la compongono non riescono a trattenere nessuna delle componenti della miscela luminosa. Ma non venire assorbito non significa necessariamente essere riflesso. Se la luce che incide sulla neve viene riflessa verso i nostri occhi ed appare quindi bianca, la luce che colpisce l’acqua semplicemente la attraversa, e l’effetto che risulta ai nostri occhi è la trasparenza.
E se è vero che l’acqua è un pessimo riflettore e ci appare quindi trasparente, la neve, composta da numerosissimi cristalli di ghiaccio ricchi di sfaccettature, è uno dei migliori. Pensateci, quante volte abbiamo sentito dire “bianco come la neve”?

#FacceCaso

Di Christian Di Carlo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0