Tempo di lettura: 3 Minuti

Next: la scuola che ci piace!

Next: la scuola che ci piace!

Next è il progetto che permette ai ragazzi di modellare la scuola in maniera più green. E non solo. Cosa succederebbe se a scuola ti chiedessero di c

In Italia i sacchetti bio, in Svezia le etichette laser
No al cibo spazzatura nelle scuole, si ai prodotti bio, sani, freschi e naturali
Good food bag e doggy bag: l’Italia si sta muovendo contro lo spreco del cibo

Next è il progetto che permette ai ragazzi di modellare la scuola in maniera più green. E non solo.

Cosa succederebbe se a scuola ti chiedessero di cosa hai bisogno per imparare meglio? O se ti vanno bene le pause ricreazione? Sarebbe un sogno non è vero? Insieme a questo, come sarebbe l’Alternanza scuola-lavoro se si occupasse anche di salvare il pianeta? Questo è il progetto Next, del Liceo Carducci di Ferrara.

Prima di tutto i ragazzi della scuola hanno espresso alcuni desideri, tipo di usare il giardino durante le pause e magari di avere una seconda ricreazione. Nel frattempo, due compagni di scuola si sono attivati per il primo step del progetto, quello di ripulire e rendere agibile il giardino per i loro amici.

Tutte le classi del Liceo con opzione economico – sociale poi si sono impegnati a trovare sponsor e finanziamenti per un evento, chiamato “Il parco della scuola”. Un evento che parla di riqualificazione, di spazi comuni e soprattutto di beni comuni.

All’interno dell’evento poi, quattro ragazzi hanno presentato i loro piccoli traguardi. Due sono coloro che si stanno occupando del giardino della scuola, con “Green School”. Gli altri due, due ragazzi di quarta, hanno presentato i risultati della loro Alternanza scuola-lavoro, chiamata “Siepilandia”, con cui hanno riqualificato il giardino di una scuola elementare. Tutto questo insegnando ai bambini come prendersi cura dei propri spazi verdi. 

Tutto questo per dimostrare che è sicuramente duro, ma molto semplice, fare qualcosa di piccolo per il proprio pianeta e per la propria comunità. E soprattutto quando sono i ragazzi a fare qualcosa per i ragazzi tutti sono molto più fieri.

Il progetto potrebbe continuare, l’importante è che si riescano a trovare sponsor che possano aiutare i ragazzi a comprare i materiali necessari. L’evento, infatti, è servito proprio per informare tutti della bellissima iniziativa.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0