Tempo di lettura: 3 Minuti

IQOS? Uno studio dice “no”!

IQOS? Uno studio dice “no”!

L'uso della sigaretta elettronica IQOS, tanto popolare tra i ragazzi sembrerebbe non essere tanto sicuro. Hai presents le IQOS? Quelle nuove sigarett


Liceo artistico Petrocchi: crolla il soffitto dalla presidenza
Da oggi per insegnare bisognerà acquisire conoscenze pedagogiche: la decisione del Miur
Maturità 2018, ecco i primi numeri sulle scelte della prima prova

L’uso della sigaretta elettronica IQOS, tanto popolare tra i ragazzi sembrerebbe non essere tanto sicuro.

Hai presents le IQOS? Quelle nuove sigarette elettroniche che costano un rene e che sono tanto popolari tra i ragazzi di Roma Nord (senza offesa ovviamente)? Beh forse non sono esattamente così sicure e soprattutto non sono meno nocive di quelle normali.

Tecnicamente, il fatto che dovrebbero scaldare il tabacco e non bruciarlo dovrebbe essere un punto in più rispetto alle “ciospe” ma uno studio sta rivelando che non è proprio così.
La European Respiratory Society ha rilasciato una ricerca che confronta le sigarette normali, quelle elettroniche e le IQOS.

Gli scienziati hanno esposto al fumo delle tre sigarette le cellule umane e hanno realizzato che tutti e tre i tipi di fumo danneggiano le vie aeree. Le IQOS, più delle normali sigarette elettroniche, hanno quasi la stessa concentrazione di elementi dannosi delle sigarette industriali o del tabacco.

Se stai cercando di smettere di fumare usando le Heets, quindi, forse non funzionerà. Perché l’effetto che hanno sul tuo corpo è esattamente lo stesso. Questo tipo di sigarette sono nate proprio per aiutare i fumatori a smettere, ma l’effetto sembra essere esattamente quello contrario.

Secondo uno studio della Fondazione Veronesi (che trovi qui), l’uso della sigaretta elettronica tra i giovani dovrebbe diminuire. E invece le statistiche dimostrano esattamente il contrario, l’uso di questi dispositivi nei ragazzi tra i 18 e i 24 anni è raddoppiato.

L’esposizione di un cervello non ancora totalmente sviluppato a tutte queste sostanze potrebbe portare ad un rallentamento dello stesso sviluppo celebrale. E conta che i ragazzi sotto i 25 anni sono molto esposti a questo rischio.

Se stai fumando un’IQOS in questo momento, ricordati che non fa meno male delle bionde e che non ti farà smettere di fumare come ti hanno promesso. Mi dispiace.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0