Tempo di lettura: 1 Minuti

Fake News, da Repubblica l’iniziativa per insegnare ai giovani a riconoscerle

Fake News, da Repubblica l’iniziativa per insegnare ai giovani a riconoscerle

Dal 28 febbraio prenderà il via Rep@digital 2019, la campagna promossa in collaborazione con google, per insegnare ai giovani come riconoscere le fake

Immaginate una scuola senza voti… che sogno! L’esperimento in un liceo di Cesena
Iniziamo a salutare Internet Explorer: è giunto al suo ultimo anno di vita
Vincere un viaggio con #Bastameno: la campagna sulla mobilità sicura

Dal 28 febbraio prenderà il via Rep@digital 2019, la campagna promossa in collaborazione con google, per insegnare ai giovani come riconoscere le fake news.

Vero o Falso? Quando si vede qualcosa di insolito su internet sorge spontaneo chiederselo. O almeno così dovrebbe. Lasciarsi abbindolare è facile. Molte volte dietro a video sciocchi o improbabili catene di messaggi, che magari strappano pure un sorriso, si celano i più impensabili tentativi di truffa. Quando le fake news riguardano temi cruciali della vita quotidiana o privata delle persone diventa essenziale non lasciarsi fregare.

Proprio per insegnare come difendersi, La Repubblica ha promosso, in collaborazione con Google, l’iniziativa Rep@digital 2019, in partenza il 28 febbraio. In cinque scuole italiane si terranno incontri con i ragazzi per apprendere il modo migliore di stare sul web.

Gli studenti affronteranno, oltre al tema delle fake news, le minacce e i pericoli del mondo digitale. Difesa dal Phishing e protezione dei dati personali. Cyberbullismo e condivisione di materiale sensibile o offensivo. Tutte tematiche note, sulle quali però c’è ancora troppa inconsapevolezza, specialmente tra i giovani.

Motivazioni e scopi

Saper riconoscere una notizia falsa da una vera innanzitutto mette in guardia dagli inganni e tentativi di truffe, che si nascondono dietro messaggi apparentemente inoffensivi. In seconda battuta, sostengono i promotori del progetto, “Spingere i ragazzi a ragionare su ciò che fanno su internet li aiuta a responsabilizzarli“. Dunque il progetto ha soprattutto una funzione educativa. Sottoponendo i soggetti a delle scelte comportamentali si punta a comprendere come si informano e come reagiscono difronte a immagini ingannevoli o a tentativi di raggiro.

L’obiettivo è dare agli adolescenti una sorta di bussola per orientarsi. L’iniziativa si tramuterà in una specie di laboratorio per ascoltare e comprendere meglio i metodi di interazione sociale di un’intera generazione.

I cinque appuntamenti in programma partiranno dalla classe III A del Liceo classico europeo del Convitto Vittorio Emanuele II di Napoli. Poi Firenze vedrà coinvolte classi del Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto Fiorentino. Successivamente sarà il turno del Liceo Classico Giuseppe Parini di Milano e del Liceo Scientifico Arcangelo Sacchi di Bari. Si finirà quindi a Roma con il Liceo Scientifico Democrito.

#Faccecaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0