Tempo di lettura: 3 Minuti

Lievito e junk food, al TG USA si parla di…cibo

Lievito e junk food, al TG USA si parla di…cibo

Nell'edizione odierna parleremo degli effetti negativi del junk food, di un uso insolito del lievito e di molto altro perciò restate con noi. Stando

Instagram vale un patrimonio
Se avete meno di 31 anni non potete sapere cosa sta succedendo
Spark, e anche Amazon si butta sui social

Nell’edizione odierna parleremo degli effetti negativi del junk food, di un uso insolito del lievito e di molto altro perciò restate con noi.

Stando in Italia, si sa, non risulta difficile rimanere informati su quelli che sono gli eventi e le problematiche che caratterizzano le università del nostro Paese. È un po’ più raro, invece, leggere o ascoltare notizie sugli atenei esteri, in particolare su quelli d’oltreoceano.

Per ovviare a questo problema noi di FacceCaso abbiamo ideato una rubrica settimanale che ha come obbiettivo quello di portare alla vostra attenzione, attraverso dei flash, le 3 news più interessanti che hanno caratterizzato il panorama universitario statunitense. Siete pronti? Questo è TG USA, let’s start!

Junk Food, no good

Che il cibo spazzatura non facesse bene al nostro organismo era cosa risaputa. La novità, però, è che il cosiddetto junk food ha degli effetti negativi pressoché immediati sulle cellule, in particolare sulla struttura dei vasi sanguigni. Lo hanno annunciato i ricercatori della University of Baltimora durante un convegno della Biophysical Society che si sta svolgendo in questi giorni a Baltimora.

A stomaco pieno si sorride meglio

Più mangi e meglio stai sostiene qualcuno. In realtà non è tanto la quantità, quanto la qualità di ciò che mangiamo, ad incidere sul nostro stato d’animo. Questo almeno è il verdetto di uno studio dei ricercatori della Binghampton University, secondo i quali alcuni cibi favorirebbero il buonumore ed altri aumenterebbero lo stress. Tra i primi rientrano la carne, la frutta e la verdura.

Lievito di birra e anche di…cannabis

Pane, pizza e…cannabis. Difficile da credere ma a quanto pare il lievito potrebbe essere l’ingrediente alla base della produzione di cannabinoidi d’alta qualità. Un team di biologi sintetici dell’University of California di Berkley sono riusciti a produrre il THC e il CBD, due “ingredienti” fondamentali della cannabis sativa, modificando il metabolismo del lievito di birra.

E con quest’ultima notizia termina qui quest’edizione del TG USA. Noi ti ringraziamo per averci seguito, ti auguriamo una buona serata e se sei arrivato a leggere fin qui allora…FacceCaso!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0