Tempo di lettura: 3 Minuti

Scuola: Studentesse al top!

Scuola: Studentesse al top!

A quanto pare le studentesse si danno molto da fare a scuola. Molto più dei loro compagni di scuola. Non me ne vogliano tutti quei ragazzi bravissimi

I Master per pochi, ma il lavoro è tanto
Perché scegliere Giurisprudenza?
I dati sul lavoro di Almalaurea

A quanto pare le studentesse si danno molto da fare a scuola. Molto più dei loro compagni di scuola.

Non me ne vogliano tutti quei ragazzi bravissimi a scuola, ma diciamo che stando ad una media nazionale le ragazze risultano essere molto più studiose. Eh già, non solo le studentesse spendono molte più ore sui libri rispetto ai ragazzi, sono anche molto più impegnate nel sociale.

Facciamo un esempio. Secondo AlmaLaurea e AlmaDiploma, le ragazze tendono a finire qualsiasi tipo di scuola superiore con una media (parliamo di voto di diploma) di 79,4 contro il 75,7 dei ragazzi. Che comunque, precisiamo, è una media molto alta, se consideriamo che è più di 75 su 100.

Oltre a questo, sembra che le ragazze passino molte più ore sui libri che i loro corrispettivi maschili. Il 38,6% delle studentesse, infatti, impiega per studiare più di 15 ore settimanali; i ragazzi che fanno lo stesso sono molti meno, circa il 26%.

Allo stesso modo, le alunne tendono a fare molte più esperienze internazionali e a ricevere molti più attestati da mettere in un eventuale curriculum. Anche nel sociale, le ragazze sono più attive, circa il 18% fa una qualche forma di volontariato, contro il 16% dei ragazzi.

Per finire questa infinita lista di dati per farvi capire quanto le ragazze siano migliori (ovviamente, si scherza), circa il 72% delle studentesse prosegue gli studi e va all’università, contro il 62,2% dei ragazzi.

Il problema, però, arriva dopo. Nel mondo del lavoro, infatti, le ragazze sono più penalizzate dei maschi. Sia dal punto di vista dello stipendio sia da quello dell’assunzione. Di chi ha figli, poi, non ne parliamo. Sempre secondo Almalaurea, il tasso di occupazione di ragazze laureate senza figli è circa dell’80%. Per chi invece ha una famiglia, il tasso scende, di quasi venti punti percentuali.

Se quello di cui ti ho parlato fino ad ora è un nostro punto a favore, quest’ultimo ci fa un po’ paura.

Psss, guarda qui, se ti interessa l’argomento.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0