Tangenti che fanno rumore al TG USA

Tangenti che fanno rumore al TG USA

Nell'edizione odierna parleremo della tangentopoli universitaria scoppiata oltreoceano, di rumore (e non solo di quello dovuto allo scandalo) e non so

Le 5 migliori università del poker
Appello dal Cile: No màs acoso sexual!
Valeria Fedeli ha una missione: tenere aperte le scuole d’estate

Nell’edizione odierna parleremo della tangentopoli universitaria scoppiata oltreoceano, di rumore (e non solo di quello dovuto allo scandalo) e non solo.

Stando in Italia, si sa, non risulta difficile rimanere informati su quelli che sono gli eventi e le problematiche che caratterizzano le università del nostro Paese. E’ un po’ più raro, invece, leggere o ascoltare notizie sugli atenei esteri, in particolare su quelli d’oltreoceano.

Per ovviare a questo problema noi di FacceCaso abbiamo ideato una rubrica settimanale che ha come obbiettivo quello di portare alla vostra attenzione, attraverso dei flash, le 3 news più interessanti che hanno caratterizzato il panorama universitario statunitense. Siete pronti? Questo è TG USA, let’s start!

Collegiopoli

Brutte notizie per gli atenei d’oltreoceano. Diverse università statunitensi quali Yale, Georgetown, Stanford e USC (University of Southern California) sono state accusate dal procuratore generale di Boston di aver accettato tangenti del valore di svariati milioni di dollari da vips e amministratori delegati in cambio della garanzia di ammissione al college dei loro figli.

Un’invenzione che fa…rumore

O meglio, che lo isola. Stiamo parlando dell’innovativo meta-materiale acustico creato da un team di ricercatori della Boston University attraverso specifiche matematiche che mantengono intatto il flusso d’aria. Un materiale che, a quanto pare, è in grado di annullare quasi totalmente il rumore, riducendolo addirittura del 94%.

Il cielo è azzurro sulla California

E lo è ancora di più dopo che la celebre Berkeley University ha scelto una startup italiana come partner per il suo programma di formazione per giovani imprenditori. La startup in questione si chiama Peekaboo e non è altro che un pre-acceleratore nato a Roma nel 2015. Lo staff di Peekaboo avrà ora il difficile compito di formare nuovi startuppers. Ce la faranno? Chi lo sa. Noi comunque facciamo il tifo per loro.

E con quest’ultima notizia termina qui quest’edizione del TG USA. Noi ti ringraziamo per averci seguito, ti auguriamo una buona serata e se sei arrivato a leggere fin qui allora…FacceCaso!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0