Tempo di lettura: 1 Minuti

Giovany con più paranoie e psicosi a causa dell’ inquinamento

Giovany con più paranoie e psicosi a causa dell’ inquinamento

C’è più possibilità per i ragazzi di soffrire di disturbi mentali abitando nelle aree urbane con un inquinamento atmosferico più elevato. Inquinament

SmokeFree: Milano apre le porte al green vietando il fumo
Green economy: un settore che tira!
Tante opportunità di formazione con IllyCaffè! Apre una nuova Università del Caffè

C’è più possibilità per i ragazzi di soffrire di disturbi mentali abitando nelle aree urbane con un inquinamento atmosferico più elevato.

Inquinamento e problemi per i giovany…
È stato condotto uno studio inglese su 2000 adolescenti da cui trapela che lo smog non solo uccide, ma crea anche disturbi mentali gravi, tali da fare impazzire i ragazzi.

Sulla rivista Jama Psychiatry è stato rivelato un dato molto rammaricante: i ragazzi che vivono in città con elevati livelli di inquinamento atmosferico, in particolare biossido di azoto, hanno più probabilità di avere psicosi.

Sono state analizzate, dagli autori della ricerca, fra cui il professor Frank Kelly del King’s College di Londra, le esperienze di oltre 2000 giovani 17enni in Gran Bretagna e hanno scoperto che quelli che vivevano in zone con alti livelli di biossido avevano una probabilità del 70% in più di avere psicosi, paranoia intensa o di sentire delle voci. I danni che provoca l’inquinamento atmosferico, in particolare quelli di ozono troposferico e biossido di azoto, d’altro canto, sono noti e uccidono nel mondo 800 persone ogni ora, secondo l’Onu.

La situazione in Italia

La stessa Italia è un Paese con fortissime concentrazioni di inquinamento. Il fatto che persone nate e cresciute in città con elevati livelli di “air pollution” fossero più soggette a malattia o psicosi era noto. Dal nuovo studio, però, viene testimoniato che i giovani, in particolare in età adolescenziale, sono fra i soggetti più esposti alle sostanze inquinanti. Non è stato dimostrato dalla ricerca, comunque sia, il nesso causale e non è determinato come altri fattori, in particolare il rumore, incidano, ma sottolinea un pericoloso collegamento fra stato mentale dei ragazzi e stato della qualità dell’aria. Nel calcolare le cifre sono stati tenuti in conto vari fattori come le esperienze famigliari passate, l’eventuale uso di fumo, alcol e cannabis, la storia famigliare e quella psichiatrica dei parenti.

Cosa rischiamo

Il problema, secondo i ricercatori, è che sebbene esperienze psicotiche nei giovani siano più comuni e solo per un dato periodo di tempo, questi sintomi causati dall’inquinamento potrebbero sviluppare malattie mentali in seguito, in età adulta. Si punta il dito soprattutto contro l’inquinamento provocato dai veicoli a diesel. La ricerca collega, inoltre, le condizioni dell’aria anche a vari problemi di salute tra cui depressione e intelligenza ridotta. Trovare un modo per diminuire i volumi dell’inquinamento è fondamentale anche per Stefan Reis, esperto di inquinamento del Center of Ecology e Hidrology.

#FacceCaso

Di Licia Oleandro

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0