Tempo di lettura: 2 Minuti

La classifica delle università in cui si studia meglio

La classifica delle università in cui si studia meglio

Come ogni anno, vi proponiamo la classifica delle università in cui si studia meglio nel mondo. Chi sarà al primo posto? E l'Italia, come si sarà piaz


#Ies : Io l’Europa e lo sport
Pride, la mobilitazione dei docenti con lezioni alternative in Italia
Ti interessano le facoltà di Chimica e Farmacia? Ecco la classifica delle migliori dieci in Italia!

Come ogni anno, vi proponiamo la classifica delle università in cui si studia meglio nel mondo. Chi sarà al primo posto? E l’Italia, come si sarà piazzata?

Ogni volta che esce una nuova classifica noi non ci facciamo trovare impreparati. Così, oggi, vi portiamo quella della università in cui si studia meglio nel mondo.
E non mancano di certo le sorprese.

I parametri

La classifica è stata stilata dal Times, riguardo all’University Impact Ranking e si basa su criteri come: capacità di offrire un’educazione aperta a tutti (fonte “Il corriere della sera”), politiche di promozione della parità di genere e investimento in settori specifici come salute o cambiamenti climatici.

Ma iniziamo con le cose serie:

Al top del top troviamo la Nuova Zelanda, dove c’è l’Università di Auckland. Il prestigiosissimo college ha ottenuto la prima posizione grazie alla promozione dell’uso della bicicletta nel proprio campus, la limitazione del numero massimo di fotocopie e, soprattutto, perché ha reso possibile che circa il 45% dei laureati in Scienze, tecnologie, ingegneria o matematica fossero donne. Insomma quest’università ha portato la parità di genere ai massimi livelli.

Al secondo posto, a pari merito, due università canadesi, la cugina più grande degli USA. Abbiamo la McMaster University, per il grande impegno nel “lavoro dignitoso e crescita economica” e la University of British Columbia, che primeggia su tutte nel mondo per la qualità del suo lavoro in ambito “cambiamenti climatici”.

– Passando a noi, la prima università italiana in classifica è quella di Bologna, nona fra tutte. L’università emiliana è fortemente promotrice della parità di genere, di un’educazione equa e permette condizioni di lavoro dignitose ai suoi dipendenti. Inoltre collabora attivamente nel prevenire la violenza di genere e aiuta gli studenti LGBTQ a sentirsi perfettamente integrati – è quasi triste che questo sia considerato un merito piuttosto che la normalità al giorno d’oggi, non trovate?

– Dulcis in fundo, sempre per quanto ci riguarda, c’è Padova. Risultata 16esima nel mondo promuove un’istruzione di qualità ed è grandemente attiva nella parità di genere e nella salute.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0