Se ti fai male gita scolastica, chi paga?

Se ti fai male gita scolastica, chi paga?

Qualora avvenisse un incidente con danni a minore, durante una gita scolastica, chi pagherebbe? Cerchiamo di scoprirlo insieme. Se uno studente si fa

Parli male della tua società sui social? Licenziato!
La Germania dichiara guerra agli haters
Adesso se pubblichi foto su Facebook senza consenso rischi il carcere

Qualora avvenisse un incidente con danni a minore, durante una gita scolastica, chi pagherebbe? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Se uno studente si fa male durante una gita, cosa succede? Avrà diritto a un risarcimento? Si, no? E quanto grande? Dipende. Come sempre, tutto dipende da quando, come, chi, dove, perché. Che sempre un po’ di avere a che fare con le regole del giornalismo, ma poi sono solo regole di vita.

L’evento

Purtroppo questa domanda è nata da un fatto increscioso avvenuto in questi giorni. Un ragazzino, durante una gita scolastica, si trovava con la classe all’interno di un gazebo. Data la mobilità della struttura, scarsamente saldata al suolo, il bambino è caduto fuori da questa, riportando molti danni.

Secondo la Cassazione, c’è innanzitutto da stabilire se la causa del danno al minore sia da attribuire a lui stesso o ai professori, o ancora ad altri.

Cass. N. 5067/2010:l’accoglimento della domanda di iscrizione da parte dell’istituto scolastico, con la conseguente ammissione dell’alunno alla scuola, fa sorgere un vincolo negoziale cui consegue l’obbligo dell’istituto di vigilare sulla sicurezza e l’incolumità dell’alunno durante le ore in cui fruisce della prestazione scolastico e ciò anche al fine di evitare che l’allievo procuri un danno a sé stesso”.

Parte due, il luogo

Sta al Miur, nei panni della scuola e di chi la rappresenta, scegliere un luogo adeguato per le gite. “Non può non affermarsi la responsabilità in capo al convenuto Miur per non avere lo stesso valutato, vista la tenera età degli allievi e la loro naturale vivacità, l’inadeguatezza del luogo scelto per una gita scolastica, salvo prevedere l’accompagnamento dei minori da parte dei genitori”.

In questo caso specifico, il Miur ha dovuto rifondere parte dei danni richiesti. Per altri casi, probabilmente, andranno valutate tutte le discriminanti necessarie a far luce sull’argomento in maniera dettagliata.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0