Tempo di lettura: 3 Minuti

Giovany ecco il lavoro per voi!

Giovany ecco il lavoro per voi!

Sono numerosissime le aziende che cercano ragazzi e ragazze per avviarli al mondo del lavoro. Dalla moda al food, sono tutti in cerca di menti da plas

Google va ad Udine per un progetto di ricerca
L’Amazzonia brucia: salviamo il polmone verde del mondo !
Oncologia: 8 giovani italiani rientrano nella lista dei migliori ricercatori al mondo

Sono numerosissime le aziende che cercano ragazzi e ragazze per avviarli al mondo del lavoro. Dalla moda al food, sono tutti in cerca di menti da plasmare.

Poco lavoro e, se c’è, non è per i giovani. È una tiritera che si sente spesso in giro: “non c’è lavoro, cosa dovrei fare?”. Chiaramente un fondo di verità c’è. Contratti a tempo determinato, stipendi solitamente bassi e ore infinite. È vero.
Ma ci sono anche posti di lavoro ben pagati che permettono ai giovani di crescere e di imparare un mestiere. Sono circa 1,3 milioni, questi posti di lavoro, secondo l’ultimo bollettino Excelsior.

Quali sono?

A cercare personale è, ad esempio, Caffè Napoli, un’azienda fondata da Fabio Compagnoni e che vanta ben 18 punti vendita solo a Milano: “Nel nostro piano di sviluppo dei prossimi 3 anni abbiamo bisogno di aprire altri 50 locali in tutto il territorio nazionale e avremmo bisogno di almeno 200 persone”.

Oppure, a sentire Caterina Colozzi, potreste fare una telefonata a Eataly, di cui lei è Hr manager: “Dalla panetteria a pizzeria e macelleria, si aprono spesso posizioni, ma abbiamo bisogno di giovani qualificati in grado id lavorare in modo autonomo. Da qui la necessità di collaborare nella formazione delle giovani risorse”.
Sempre secondo il bollettino, in grande crescita sono le idustrie della moda, della metallurgia e della meccatronica. Un esempio di come si cerchino giovani da istruire è dato da Pomellato. La ricca azienda ha infatti fondato un’Accademy per formare ragazzi in grado di conoscere tutti gli aspetti dell’oreficeria.

La formazione sul campo è fondamentale per risolvere il mancato incontro tra domanda e offerta che spesso caratterizza il mondo del lavoro”, dice Melania de Nichilo Rizzoli, assessore a formazione e lavoro della Regione Lombardia. “Grazie al lavoro sul campo” le fa eco Massimo Ferlini, presidente di Formaper, “(i giovani n.d.r) capiscono anche l’importanza della soft skill, dal team working alla comunicazione fino alla capacità di pianificazione”.

Giovany di tutta Italia: ora spetta solo a voi!

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0