Tempo di lettura: 3 Minuti

Il Fornaio è un mestiere per Giovani

Il Fornaio è un mestiere per Giovani

I Giovani si riavvicinano al tradizionale mestiere del Fornaio. A dimostralo sono i Panificatori Agricoli Urbani, che sottolineano l'hype ritrovato da

Nasce il primissimo liceo coreutico in Italia! Per riportare l’arte al centro…
Perché gli studenti italiani non scelgono più Beni Culturali? Lo abbiamo chiesto ad un prof!
Il Liceo Mazzini trasforma l’ intervallo in uno show

I Giovani si riavvicinano al tradizionale mestiere del Fornaio. A dimostralo sono i Panificatori Agricoli Urbani, che sottolineano l’hype ritrovato da questo bellissimo mestiere.

Il Bread for Change ha dato il via alla rivoluzione giovanile, fatta di segale e farina integrale. Si tratta di un progetto di collaborazione, che ha l’obiettivo di riportare sulla tavola italiana il pane. A dimostrare l’avvicinamento dei giovani al mestiere del Fornaio, sono loro: i Panificatori Agricoli Urbani.

Chi sono?

Si tratta di un collettivo, a cui appartengono

  • il Forno Brisa di Bologna, il Panificio Moderno di Iserea
  • il Panificio Davide Longoni di Milano
  • il Panificio Bonci di Roma
  • il Forno del Mastro di Monza
  • LePolveri di Milano
  • il Perino Vesco Fornai di Torino
  • il Laboratorio di Panificazione di Ascoli Piceno.

Il motto di questi giovani, under 35, è “Il mondo del pane cambia. Il pane cambia il mondo.”.

La Rivoluzione del Pane

La loro rivoluzione è a base di lievito madre, farine non raffinate e cereali “fuori moda”.
La loro politica è l’antispreco: grazie alla lunga conservazione, è possibile comprare il pane e farlo durare una settimana.
Inoltre, mentre il lievito madre fa il suo corso, i giovani panificatori hanno la possibilità di vivere una vita meno sacrificata. Il lavoro inizia alle 6, anzi che di notte, e la sera si stacca giusto in tempo per permettersi una serata in tranquillità al cinema o a cena fuori. Secondo quanto riportato da La Voce, i Panificatori Agricoli Urbani affermano che “[…]Attraverso la tracciabilità di filiera, l’esaltazione dell’uso del lievito madre per garantire maggiore digeribilità, l’asticella della qualità da forno è salita molto. E c’è un riavvicinamento degli italiani a questo alimento principe della Dieta Mediterrane, per la crescente attenzione al mangiar sano e il pane artigianale ha nuovo spazio nel mondo della ristorazione, soprattutto nelle grandi città”.

Non solo pane…

C’è attenzione anche per la birra. La famiglia Roscioli, noti panificatori romani, e La Fabbrica della Birra Perugia, appasionati giovani umbri, hanno dato vita a Rosciolino: una birra ad alta fermentazione, a base di malto d’orzo con una sostanziale quota di frumento.

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar
    Valenti 3 anni

    Il ritorno alle origini !!!

  • DISQUS: 0