Tempo di lettura: 3 Minuti

Diamo un’arma al prof!

Diamo un’arma al prof!

Ennesima sparatoria in una scuola degli Stati Uniti. Si rivaluta la proposta di dare un'arma ai professori. Ahimè, la cronaca degli Stati Uniti non m

Walmart paga l’università ai dipendenti
Decameron in scena: Link Campus University ti invita a teatro
Teramo: aggressione all’Itis di Giulianova

Ennesima sparatoria in una scuola degli Stati Uniti. Si rivaluta la proposta di dare un’arma ai professori.

Ahimè, la cronaca degli Stati Uniti non migliora. Risale all’otto maggio l’ennesima notizia di una sparatoria all’interno di una scuola di Denver. Da qui il punto per riaprire tanti dibattiti, tra cui quella di dare un’arma ai professori della scuole pubbliche. Ma andiamo con calma.

La sparatoria, in cui è morto un ragazzo di diciotto anni, è avvenuta nella Stem School di Denver, Colorado. Una scuola che contiene ragazzi e bambini dai tre ai diciotto anni e che conta quasi millenovecento studenti. Otto i feriti, insieme all’unica vittima. Tutto è reso ancora più triste dal fatto che la scuola è molto vicina a quella di Columbine, dove nel 1999 avvenne il primo mass shooting della storia recente.

Gli aggressori, un diciottenne e un minorenne, sono stati fermati e accusati di mass shooting e di sequestro di automobile.

Nello stesso periodo, in Florida, il Governatore Ron DeSantis ha approvato la legge per cui gli insegnanti possono possedere un’arma nel momento in cui entrano in classe, così da difendere i ragazzi in caso di sparatoria. Più armi, meno vittime. Una logica che non piace a molti. E che forse, neanche funziona.

Il provvedimento approvato il nove maggio prevede anche che il personale scolastico e i professori possano frequentare dei corsi per imparare a sparare. Ovviamente, i democratici si sono subito opposti, sottolineando come questa cosa potrebbe portare a ulteriore violenza. Questo nelle parole dell’ex direttore della polizia di Orlando, altra città teatro di una sparatoria a scuola, qualche tempo fa.

Un cane che si morde la coda quindi. Da una parte le armi per difendere e dall’altra quelle per attaccare. L’unica cosa in comune in questa situazione? L’uso errato dell’arma, che sia da parte di un alunno o da parte di un professore. Direi proprio che non funziona. E tu?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0