Tempo di lettura: 2 Minuti

Cannabis Business School: la prima scuola di formazione italiana sulla cannabis!

Cannabis Business School: la prima scuola di formazione italiana sulla cannabis!

Il dibattito sulla cannabis si è riacceso negli ultimi giorni, in questo contesto nasce in Italia la prima Cannabis Business School. Dopo la Fiera de

Eindhoven University of Tecnlogy: aperte posizioni lavorative ma SOLO per donne!
Erasmus+ Virtual Exchange: il progetto che promuove il dialogo interculturale
Le Università italiane migliorano Wikipedia

Il dibattito sulla cannabis si è riacceso negli ultimi giorni, in questo contesto nasce in Italia la prima Cannabis Business School.

Dopo la Fiera della Canapa tenutasi a Milano il 3-4-5 maggio, il dibattito in Italia ha ripreso piede con più forza di prima. Il nostro Vice Premier ha optato per la chiusura degli store della cosiddetta Cannabis Light, mentre gli anti proibizionisti continuano a premere sulla completa legalizzazione. Nel frattempo in Italia è nata la prima Cannabis Business School, vediamo di che si tratta!

Una scuola sulle “canne”? NO.

É importante ricordarsi, quando si parla di Cannabis, che non si parla solo della famosa “cannetta“. Infatti, attorno alla cannabis gira tutto un modo in rapidissima crescita e di cui parte si sviluppa nell’oscuro mondo della criminalità. Ma questa pianta, la canapa, che per anni non è stata altro che un tabù in realtà è una pianta utilissima che anche i nostri nonni, nemmeno troppi anni fa, coltivavano nelle campagne italiane per lavorarla. La canapa è una delle piante più versatili in assoluto: solo per fare qualche esempio, questa può essere utilizzata nella bio-edilizia, nel settore tessile, come bio-combustibile e tantissimo altro.

La Cannabis Business School

Partendo da quanto affermato qui sopra, uno degli obiettivi di questa scuola innovativa è l’approfondimento dell’argomento “canapa”. Grazie a docenti esperti, corsi specializzati, accesso ai database la Cannabis Business School promuove l’approfondimento della materia e sostiene lo sviluppo di nuove idee innovative per lo sfruttamento della canapa.

Secondo obiettivo che la scuola si prefigge è quello di colmare quella mancanza di formazione e professionalizzazione che contraddistingue quest’ambito.

In sintesi, chi deciderà di prendere parte ai corsi offerti dalla Cannabis Business School avrà l’opportunità di approfondire tematiche sulle quali oggi regna non solo il caos, ma su cui la conoscenza è basata sul “sentito dire”.

La struttura dei corsi

Per ora la Cannabis Business School si compone di un corpo docente di più di 30 persone, accademici che provengono da vari poli universitari come l’Università di Napoli, dalla Sorbonne di Parigi e esperti del Marijuana Policy Group del Colorado.

Si tratta di corsi da 40 ore e, una volta superato il test finale, sarà possibile ottenere un attestato che faciliterà l’inserimento in una delle aziende italiane del settore. La professionalità della scuola è garantita. Consiglio agli interessati di dare un’occhiata al sito.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0