Tempo di lettura: 2 Minuti

Salvini come Mussolini: scatta la sanzione a Palermo

Salvini come Mussolini: scatta la sanzione a Palermo

Succede a Palermo, dove una Prof. ha ricevuto una sanzione per non aver vigilato correttamente sul lavoro dei suoi studenti. Il 27 gennaio 2019, dura

Qualche notizia sui prossimi AirPods
Nokia 8 per tornare ai vertici del mercato
SaloneSatellite 2018! I vincitori della nona edizione che ha affiancato il Salone del Mobile di Milano

Succede a Palermo, dove una Prof. ha ricevuto una sanzione per non aver vigilato correttamente sul lavoro dei suoi studenti.

Il 27 gennaio 2019, durante la Giornata della Memoria, alcuni alunni dell’Istituto Tecnico Industriale Vittorio Emanuele III di Palermo avevano presentato un video in cui il Ministro dell’Interno Matteo Salvini veniva paragonato a Mussolini. Per questo una professoressa dell’Istituto ha ricevuto una sanzione particolarmente pesante.

Il paragone veniva fatto tra le Leggi Razziali del 1938 e il Decreto Sicurezza, quello che tanto ha fatto indignare e parlare di sè. I ragazzi, che frequentano il secondo anno, avevano presentato il video dopo alcune letture fatte durante l’estate e avevano deciso completamente da soli di fare un elaborato Power Point che parlava di questo argomento.

La Professoressa ritenuta “colpevole” di questo progetto si chiama Rosa Maria dell’Aria ed è stata sospesa per quindici giorni con la diminuzione dello stipendio. Tutto questo dopo un procedimento aperto qualche tempo fa. Nonostante i suoi studenti e i suoi colleghi abbiano cercato in tutti i modi di impedire la sospensione, gli ispettori hanno deciso di prendere provvedimenti.

Tutti hanno inviato lettere per evitare che succedesse ma non ci sono riusciti. Gli stessi ragazzi hanno affermato più volte di aver lavorato da soli e di non aver ricevuto indicazioni dall’insegnante.

Tutto è iniziato con un tweet che ha segnalato al Ministero, o chi per esso, l’accaduto. Da lì è partita la bufera sulla Prof, che è stata difesa anche da una raccolta firme organizzata dai colleghi che lavorano con lei da più di vent’anni.

Gli ispettori hanno sottolineato come quel Power Point contenesse una chiara distorsione della realtà che non può essere utilizzata per insegnare qualcosa ad altri alunni, per questo la Prof è stata accusata di non aver sorvegliato abbastanza i suoi alunni.

La Professoressa dell’Aria riprenderà il suo insegnamento il 27 maggio, nel frattempo al Vittorio Emanuele III è arrivata la Digos per indagare su quanto è accaduto.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0