Tempo di lettura: 1 Minuti

Brno eccellenza universitaria: l’esperienza di uno studente Erasmus

Brno eccellenza universitaria: l’esperienza di uno studente Erasmus

Grazie ai fondi europei, l’Università di Brno si colloca nei migliori atenei del mondo. Aumentano anche gli studenti stranieri e proprio per questo, F

Stanco delle solite vacanze natalizie? Prendi il volo e fai un’esperienza di volontariato a Natale!
Un viaggio in treno per gli Usa… economico!
In Islanda con me! Come viaggiare senza organizzare/prenotare nulla… Pt.1

Grazie ai fondi europei, l’Università di Brno si colloca nei migliori atenei del mondo. Aumentano anche gli studenti stranieri e proprio per questo, FacceCaso intervista Matteo, studente Erasmus.

Ciao Matteo! Spiegaci per quale motivo hai scelto di vivere un’esperienza Erasmus a Brno.

Ciao a tutti! Prima di tutto perché, studiando Relazioni Internazionali alla Sapienza, ero e sono consapevole di dover compiere quante più esperienze all’estero possibili, e l’Erasmus mi sembrava il modo migliore per iniziare. E poi perché credo nel Progetto Europeo, di cui l’Erasmus è sicuramente uno degli strumenti più efficaci per formare i futuri cittadini europei.

Come mai hai scelto proprio Brno come destinazione?

Devo dire che quando è uscito il bando Erasmus sono stato molto indeciso su quale meta scegliere, ma alla fine sono tre i fattori che mi hanno portato a scegliere Brno.

    • Prima di tutto si trova in una ottima posizione per viaggiare, proprio al centro dell’Europa;
    • poi il costo della vita, decisamente più basso di quello in Italia, che per uno studente è una componente da non sottovalutare;
    • e ovviamente anche per l’Università, che per il mio corso di studio ha un ottimo programma.

Come ti stai trovando?

Molto bene! Brno, nonostante sia la seconda città della Repubblica Ceca, è abbastanza piccola per fuggire dalla vita frenetica di una città come Roma, ma abbastanza importante per trovarci tutto quello di cui si ha bisogno. Ed oltre ad essere una città dove tutto è molto efficiente, è anche viva e dinamica, ricca di eventi di ogni tipo, non solo per studenti.

Sicuramente avrai letto la notizia di Repubblica, per cui la Masarykova University di Brno attira i migliori cervelli da tutto il mondo. Cosa ne pensi?

Devo dire che all’inizio sono rimasto molto stupito, diverse persone mi hanno inviato l’articolo. Riflettendoci però, non è una sorpresa che la Masarykova stia raggiungendo alti livelli nelle classifiche internazionali. Uno dei punti di forza di questa università è sicuramente il fatto che ti facilita la vita, permettendoti davvero di concentrarti sullo studio senza dover avere altre preoccupazioni.
L’attenzione rivolta a noi studenti mi ha colpito. Parlo per esempio degli orari delle biblioteche, delle aule super attrezzate, in cui perfino la disposizione dei tavoli ti permette di essere alla pari con tutti i tuoi colleghi di corso e con i professori, che già di loro hanno una disponibilità verso noi ragazzi a volte sorprendente. Con segreterie e burocrazia, dopo 4 mesi non ho avuto neanche una esperienza negativa. Una Università che tiene a te credo sia normale che attragga molti studenti ma anche che professori di livello. Da quando sono qui ho avuto professori da 5 diverse nazioni. È sicuramente un valore aggiunto, specialmente in un corso di Relazioni Internazionali.

Consiglieresti di scegliere Brno come destinazione Erasmus?

Assolutamente! So che ad alcune persone potrebbe sembrare una scelta di secondo piano rispetto ad alcuni grandi capitali, o ad altre città, ma 3 grandi università rendono Brno una città perfetta per gli studenti, cechi ed internazionali. E anche la lingua, che potrebbe sembrare il primo maggiore ostacolo, non lo è, l’inglese è diffuso ovunque.

Cosa ti senti di dire a tutti gli studenti che sono ancora indecisi sul vivere un’esperienza di questo tipo?

Anche io ero piano di incertezze, ma mi sono “obbligatocostretto” a fare domanda. Non solo perché al giorno d’oggi poter vantare nel proprio curriculum una esperienza all’estero fa la differenza, ma anche perché sapevo che se non fossi partito mi sarei pentito di aver perso una grande possibilità, quella di vivere una grande avventura. Avrei sprecato una occasione per crescere, non solo accademicamente ma anche caratterialmente e non potrei dire di avere amici dalla parte opposta del pianeta. Ora che sto quasi finendo il mio Erasmus, so di aver fatto la scelta giusta.

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0