Tempo di lettura: 3 Minuti

Squadra universitaria si qualifica per l’Europa League

Squadra universitaria si qualifica per l’Europa League

In Galles una squadra di universitari vince i play-off del campionato nazionale e si qualifica al turno preliminare di Europa League. Immaginate se i

#RiscattaLaurea: la campagna per il riconoscimento dei contributi relativi al percorso di studi universitari
Esercito e Sapienza: accordo sulla scuola di specializzazione
Vatican Hackathon: giovani supereroi

In Galles una squadra di universitari vince i play-off del campionato nazionale e si qualifica al turno preliminare di Europa League.

Immaginate se il classico torneo di calcio interfacoltà che organizzano nella vostra università, anziché regalare una vacanza premio ai vincitori, mettesse in palio un pass per partecipare alle competizioni europee della UEFA. Ecco, una cosa simile è successa veramente. In Galles una squadra di universitari e ricercatori si è qualificata al turno preliminare di Europa League.

Il campionato gallese, la Welsh Premier League, è un torneo semiprofessionistico. Vi partecipano infatti non solo società calcistiche vere e proprie, ma anche squadre amatoriali. Il Cardiff Metropolitan University è tra queste. I membri della squadra sono tutti studenti e ricercatori universitari. Nel 2016 avevano guadagnato sul campo la promozione dalla seconda divisione gallese (la loro Serie B) e quest’anno si sono meritati l’avventura europea.

Ora è probabile che dovranno vedersela con rivali di un certo calibro. I nordirlandesi del Cliftonville, i lussemburghesi del Jeunesse Esch o il Tre Fiori, vincitore della coppa di San Marino, sono nomi che fanno tremare i polsi. A parte le facili ironie, comunque, è già motivo d’orgoglio essere arrivati ad assaggiare il sapore di una vera coppa europea. La stessa che, tra qualche giorno, si contenderanno Arsenal e Chelsea, per intenderci.

Il trionfo ai play-off

Arrivata settima in campionato, il Cardiff Met si è garantital’accesso al tabellone finale dei play-off. Superati via via i vari turni, un po’ a sorpresa è arrivata in finale contro il Bala Town. Che invece è una squadra professionistica. Dopo l’1 a 1 nei tempi regolamentari e successivi supplementari, il match si è deciso ai calci di rigore. Il portiere Will Fuller, Manager in Sviluppo delle innovazioni ospedaliere, è riuscito a neutralizzare ben tre tiri dagli undici metri. Per il gol decisivo si è presentato sul dischetto Eliot Evans. Tutor in Sport Management con un destro fatato.

Il motto della squadra è “To succeed, must play“, in gaelico “I lwyddo, rhaid chwarae“. Tradotto: per riuscire, si deve giocare. Parole interpretate decisamente nel modo giusto da questi ragazzi.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0