Tempo di lettura: 1 Minuti

Smeriglio x i giovany al Liceo Einaudi!

Smeriglio x i giovany al Liceo Einaudi!

Un incontro particolare, delicato e molto sentito. Massimiliano Smeriglio protagonista di un intervento dedicato ai giovany del Liceo Luigi Einaudi. E

Iscrizioni da record al Liceo “Jacopone da Todi”
Ci sono altri problemi con questo nuovo iPhone
Da Padova a Stoccolma per confutare un premio Nobel

Un incontro particolare, delicato e molto sentito. Massimiliano Smeriglio protagonista di un intervento dedicato ai giovany del Liceo Luigi Einaudi. E noi eravamo lì!

Lo scorso 20 maggio 2019, al centro Congressi Frentani si sono riuniti i ragazzi dell’ultimo anno del Liceo Luigi Einaudi per ascoltare il Candidato del Partito Democratico alle elezioni europee, Massimiliano Smeriglio.

Massimiliano è stato Vice-Presidente della Regione Lazio, carica da cui si è dimesso per candidarsi alle Europee. Ed è stato artefice ed esecutore di progetti e politiche per migliorare e risanare le scuole del Lazio.

La scuola al centro

La scuola e l’educazione sono stati i punti cardinali della sua bussola durante il viaggio in assessorato. Lo dimostrano progetti come “La Città incantata” e il progetto “ABC (arte bellezza e cultura)” che si focalizzano sulla cultura, sull’arte e sull’apprendimento. E anche il progetto Scuola di Squadra e Scuola Green, che hanno permesso a centinaia di scuole di ricevere finanziamenti per rinnovare e rendere ecosostenibili le palestre delle nostre scuole; e che hanno fornito materiale e attrezzatura per più di 50 mila ragazzi che giocano nelle palestre delle scuole laziali.

Il suo discorso

Infatti, come lui stesso dice: Al centro abbiamo deciso di mettere la conoscenza, la cultura, la scuola. La scuola è uno dei luoghi rimasti in cui le persone si incontrano a prescindere dalle condizioni sociali, religiose etniche. È un patrimonio pazzesco di ricchezza in cui c’è uno scambio generazionale importante. Ed è al centro della nostra ricostruzione”.

Nell’ultima parte del suo discorso ha parlato proprio dell’importanza dell’inclusione e dell’incontro, mettendo in guardia i ragazzi dai quei politici – o come lui li definisce “apprendisti stregoni” – che lucrano sulla paura delle persone fomentando cattiveria e divisione. Come Smeriglio stesso dice: “Tutti i giorni c’è chi vi racconta che avete un nemico, ma è un nemico immaginario, un nemico che non esiste. Perché vogliono spaccare la società, i buoni contri i cattivi, i bianchi contri i neri, il sud contro il nord. Invece noi vogliamo ricucire, vogliamo mettere insieme, vogliamo scambiare cultura”.

La scuola per Smeriglio

Per Massimiliano Smeriglio la scuola è uno spazio da difendere e proteggere, senza costruire discriminazione, senza forme di bullismo, di distanza e di stigma. È l’unica possibilità che abbiamo per immaginare una vita degna di essere vissuta, in cui il benessere materiale sta insieme al benessere di conoscere, di incontrare persone, di sentire storie diverse dalle nostre.

È importante quindi difendere la dimensione europea, che è la più grande opportunità che abbiamo oggi per conoscere. Questa è la battaglia che Massimiliano Smeriglio ha scelto, una battaglia di civiltà in Europa, emersa in questo incontro con gli studenti del Liceo Luigi Einaudi.

Il 26 maggio si va a votare, qualunque sia il vostro inclinamento politico, votate, fate sentire la vostra voce giovany!

#FacceCaso

Di Corrado Martelletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0