Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola con…Valentino Rossi

A scuola con…Valentino Rossi

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi Speciale Mugello: Valentino Rossi. Vi siete ma

Scuole italiane all’estero: tutto quello che c’è da sapere
#ioleggoperché, la nuova (fantastica) iniziativa per la lettura
Pasqua con la Luna blu

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi Speciale Mugello: Valentino Rossi.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti campioni del calibro di Buffon, Chiellini o Verratti? Noi sì. E per risponderci (o meglio, per rispondervi) abbiamo ideato una nuova rubrica nella quale ogni settimana ripercorreremo la carriera scolastica di uno sportivo.

A poco più di 24 ore dal via del Gran Premio del Mugello 2019, abbiamo pensato che fosse giusto concentrarci sul curriculum studiorum di una vera e propria leggenda della MotoGp, un’ icona dello sport italiano nel mondo, il Dottore nazionale Valentino Rossi.

A dispetto di ciò che si potrebbe evincere dal suo soprannome, lo studio non è mai stata una priorità per il 46 di Tavullia. Nato e cresciuto in questo piccolo comune nei pressi di Urbino, infatti, Vale si è iscritto al Liceo “Mamiani”, nella vicina Pesaro. Lì ha frequentato il linguistico ma non è riuscito a conseguire il diploma (ha lasciato la scuola alla fine del terzo anno).

“The Doctor”, infatti, ha esordito molto presto; la sua prima gara nella classe 125 è datata 31 marzo 1996. Allora Rossi aveva da poco compiuto 17 anni e nonostante la giovane età aveva già capito che le corse sarebbero state il suo lavoro, il suo amore, la sua vita.

Alla faccia della sua professoressa di storia dell’arte che, infastidita dal poco interesse che Valentino mostrava nei confronti della sua materia, una volta sbottò e gli disse che con le moto non sarebbe arrivato mai da nessuna parte. Diciamo che non fu molto lungimirante…

Una soddisfazione a livello di studi il Dottore è riuscito comunque a togliersela. Il 31 maggio 2005, infatti, l’Università Carlo Bo di Urbino ha deciso di conferirgli una laurea magistrale honoris causa in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni, facendo contenta anche mamma Stefania. Infondo che Dottore sarebbe suo figlio senza una laurea?

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0