Tempo di lettura: 3 Minuti

Giurisprudenza a Roma: quali sono le migliori università?

Giurisprudenza a Roma: quali sono le migliori università?

Nella capitale sono numerose le università che comprendono una facoltà di giurisprudenza: ma quali sono effettivamente le più efficienti? Come tutti

Laurea dell’Università Cattolica valida anche in USA
L’ Erc finanzia il progetto dell’Università di Brescia
Università Bicocca: tensioni durante la cerimonia inaugurale dell’anno accademico

Nella capitale sono numerose le università che comprendono una facoltà di
giurisprudenza: ma quali sono effettivamente le più efficienti?

Come tutti gli anni, il CENSIS ha riportato la classifica delle facoltà universitarie, tra cui giurisprudenza,
attraverso la valutazione degli atenei in base ai servizi erogati, al livello di
internazionalizzazione e allo sviluppo dei metodi 2.0.

La classifica vede al primo posto l’università Europea, che gode di questa posizione
per le numerose opportunità che propone, quali scambi internazionali, un laboratorio
di diritto dell’innovazione e un corso di insegnamento interamente in lingua inglese.
La formazione è legata all’innovazione e all’internazionalizzazione, senza trascurare
il rigore e il metodo tradizionale. La didattica tradizionale è affiancata da laboratori
ed esercitazioni, utili per far comprendere i fini pratici degli studi giuridici.

Al secondo posto si trova la libera università internazionale degli studi sociali “Guido
Carli” nota con l’acronimo Luiss, un ateneo universitario privato il cui insegnamento
vanta di ottimi risultati, si riscontra la soddisfazione per l’attuale lavoro della maggior
parte dei laureati, contento per le mansioni svolte da 1 a 5 anni dalla laurea: oltre il
90% dichiara di utilizzare le conoscenze acquisite all’Università in ambito lavorativo.

Il terzo posto è infine ricoperto dalla LUMMSA: anch’essa prevede la possibilità di
intraprendere un percorso di studi internazionale. Vengono così proposti corsi di
approfondimento, verifiche dell’apprendimento, laboratori, esercitazioni, gruppi di
studio, e viene intensificato il “learning by doing”, dando la possibilità di
sperimentare la presenza sui luoghi di lavoro e di possibile futura occupazione.

In base a questi dati si può dire che le facoltà di giurisprudenza valutate come più
efficienti siano private. La classifica in ogni caso è basata sui canoni di giudizio
prestabiliti dal CENSIS; ogni singola università, può poi risultare più o meno
conveniente in base alle varie esigenze di colui che decide di intraprendere gli studi
giuridici.

#FacceCaso

Di Francesca Peroni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0