Tempo di lettura: 1 Minuti

Scuola in Germania? Ecco le più strane

Scuola in Germania? Ecco le più strane

Ogni paese ha delle sue caratteristiche e stravaganze in ambito scolastico. Quali sono le stranezze della scuola in Germania? Scopriamole insieme. I

Da pornodivo a professore di Analisi I della Sapienza: la curiosa storia di Ruggero Freddi
Defilippi Gabriele: dal carcere alla maturità
Cellulare a scuola, è cosa buona e giusta?

Ogni paese ha delle sue caratteristiche e stravaganze in ambito scolastico. Quali sono le stranezze della scuola in Germania? Scopriamole insieme.

I giubbotti pieni di sabbia a scuola

Duecento scuole tedesche hanno scelto una controversa misura alternativa alla terapia farmacologica per calmare i bambini iperattivi. Questi istituti hanno deciso di far indossare agli studenti affetti da tale disturbo un giubbotto riempito di sabbia che può pesare fino a sei chili. Il peso porta i bambini a muoversi poco e perciò viene visto come una soluzione efficace.

È un sistema che sicuramente ha diviso l’opinione pubblica.

Alcuni sostengono che tali giubbotti ricordano le camicie di forza utilizzate in passato.
Un genitore su Facebook l’ha paragonata ad un vero e proprio metodo di tortura, sottolineando come gli insegnanti abbiano perso il lume della ragione.

Tuttavia tanti sono i sostenitori che ne parlano con entusiasmo, assicurando che i bambini indossano tale giacca solo per trenta minuti. Una mamma afferma che il figlio riesce a concentrarsi meglio e che è in grado di partecipare attivamente alla lezione. Pare inoltre che gli altri bambini facciano quasi a gara per poterlo indossare anch’essi.

“Vietato bocciare i ripetenti”

“No alle bocciature, promozione garantita!”. “No alle insufficienze, la sufficienza garantita per tutti!” Questi erano gli slogan antimeritocratici del Sessantotto. Bé, quelle strane utopie oggi rivivono in alcune scuole tedesche. Questo trand radicale sta cambiando la vita scolastica in Germania: bocciare e quindi poi finanziare ripetizioni e classi di ripetenti costa troppo.

L’ordine viene dall’alto con un’e-mail dei ministeri della Pubblica Istruzione dei sedici Stati della federazione tedesca. L’email dice di “ottimizzare i risultati”, di “verificare in quali scuole si boccia di più”. In poche parole: l’ordine è di non bocciare, o bocciare il meno possibile.

 

Queste sono alcune delle idee più rivoluzionarie e strane adottate nella scuola in Germania. Sono scelte educative o troppo estreme? Tante sono le domande ma ancora troppo poche le risposte.

#FacceCaso

Di Sofia Borghi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0