Tempo di lettura: 1 Minuti

“Joint degree”: du lauree is megl’ che uan !

“Joint degree”: du lauree is megl’ che uan !

Arriva l'era delle "joint degree", due lauree in una. Un solo percorso di studi con esami misti, per sfondare subito nel mondo del lavoro. Il mondo n

L’Università per Stranieri di Siena fa il botto: +19% di studenti
Podcast, scopriamo il fenomeno mediatico del momento!
Lecce sorprende tutti: arriva l'”Università di Strada”

Arriva l’era delle “joint degree”, due lauree in una. Un solo percorso di studi con esami misti, per sfondare subito nel mondo del lavoro.

Il mondo non aspetta che vivi. La società ti corre accanto, spesso cercando di superarti; tutti si affannano ad arrivare primi. Non perché gli piaccia. Ma perché chi arriva primo prende i posti migliori. E allora anche le università si sono adeguate.

Non più laurea in Scienza, Ingegneria, Giurisprudenza, Medicina. No. Tra qualche anno saranno tutte doppie, tutte miste. Avremo Ingegneri-Medici, Scienziati esperti di Informatica e via dicendo.

Il cambiamento ha per nome “joint degree”, o “double” e permette di iscriversi ad un unico corso con l’obbiettivo di centrarne due. Ovviamente gli esami sono costruiti in maniera tale che chi esce sia, per ciascuna delle due facoltà, a livello dei colleghi che possiedono “un solo” titolo.

L’iscrizione

L’accesso, però, non è per tutti. Almeno non ancora, sebbene nei corridoi si vociferi che molto presto i corsi saranno aperti a tutti. Ma per adesso, il voto di maturità o quello della laurea triennale deve essere veramente alto, e il curriculum di tutto rispetto.

I numeri

Come si vede molto chiaramente dai grafici apparsi sul “IlSole24ore”, queste tipologie di corsi sono raddoppiate negli ultimi 8 anni. A fine 2011/2012 se ne contavano 304 in Italia, sparsi fra 45 atenei. L’anno prossimo, 2019/2020, saranno ben 644, frazionati tra 63 atenei. Semplicemente il doppio. Anzi, più del doppio.
Dove

Se volete provare a dare un’occhiata, La Sapienza di Roma ha ben 60 proposte, il Politecnico di Milano 59. Si passa poi a Torino, 29 corsi integrati e Trento, 28 “double”. Se invece voleste a tutti i costi frequentare un’università privata, la Luiss di Roma propone 33 “joint degree” e la Cattolica di Milano 26.

Perché “du gustis is megli che uan”. Ok. Questa la cancelliamo.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0