Tempo di lettura: 3 Minuti

Posti di lavoro in aumento? Non per i giovani!

Posti di lavoro in aumento? Non per i giovani!

I dati dell'ISTAT sull'occupazione sembrano essere ottimi. C'è un solo problema, non ci sono i posti di lavoro per i giovani. Su tutti i social si è

Olimpiadi di informatica al via in Giappone
10 abitudini che hai perso da quando c’è Internet
L’arringa de “Le Iene” per la scuola di Alicudi

I dati dell’ISTAT sull’occupazione sembrano essere ottimi. C’è un solo problema, non ci sono i posti di lavoro per i giovani.

Su tutti i social si è esultato per i primi dati ISTAT che riguardano l’occupazione. Il dato generale, infatti, ci dice che il livello di occupazione non è così alto dal 1977. Positivo, dirai tu. Insomma, perchè questi dati non riguardano i posti di lavoro per i giovani.

È vero che da un lato la disoccupazione giovanile è scesa dal 31,1% al 30% ma parliamo quasi esclusivamente di un’illusione. I contratti fatti con i giovani sono spesso part-time e mal retribuiti mettendo i ragazzi in una situazione molto precaria.

In che senso? Basti pensare ai contratti a tempo determinato, un precario entra, uno esce, non favorendo la continuità e nemmeno il ricambio generazionale. Pensa che per essere considerato occupato basta aver lavorato un’ora alla settimana. Un’ora. Il dato di sopra non sembra ancora così positivo, non trovi?

Se guardiamo la fascia del lavoro “giovanile”, quella tra i 15 e i 34 anni e la dividiamo tra “giovani” e “giovanissimi” possiamo notare che le cose non sono esattamente rose e fiori.
La fascia dei “giovanissimi”, quella tra i 15 e i 24 anni, è a crescita zero. Anzi, molti dei nostri coetanei, una volta finita la scuola si trasformano in “inoccupati” ovvero coloro che non cercano lavoro. In parole povere, i NEET. Per questo i 15.000 disoccupati in meno non hanno trovato lavoro, semplicemente non lo cercano e non studiano.

Per gli altri un po’ di speranza c’è, nella fascia tra i 25 e i 34 anni si è registrato un piccolo innalzamento dell’occupazione, niente però in confronto agli over 50.

In poche parole, il dato della disoccupazione giovanile è sceso ma la realtà non segnala niente di positivo. Servono progetti e riforme, questo è poco ma sicuro. Noi, intanto, aspettiamo e cerchiamo di capirci qualcosa in più.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0