Tempo di lettura: 2 Minuti

Ambasciatore si diventa!

Ambasciatore si diventa!

Chi è, cosa fa e come si diventa Ambasciatore. FacceCaso ti spiega qual è il percorso da intraprendere se sogni di fare questo mestiere. Quando ho in

Brain At Work, il Career Day che si è tenuto 16 e 17 Marzo a Roma
Supplenti: è già cominciata la battaglia, a partire dal sito del Miur
Gli studenti italiani sono i terzi più tassati d’Europa: cifre di un trend preoccupante

Chi è, cosa fa e come si diventa Ambasciatore. FacceCaso ti spiega qual è il percorso da intraprendere se sogni di fare questo mestiere.

Quando ho iniziato a fare Scienze Politiche volevo diventare Ambasciatore (o Ambasciatrice, come ti pare), poi, quando ho studiato Relazioni Internazionali e Diritto Internazionale ho capito che proprio non era la mia strada. Ancora di più quando ho scoperto cosa dovevo fare per diventarlo.

Innanzitutto chi è l’Ambasciatore? È il capo di una delegazione diplomatica presso uno stato diverso da quello di cui si ha la cittadinanza. È la carica di rango più elevato all’interno dell’Ambasciata e può essere anche inviato per una missione straordinaria, ad esempio la firma di un trattato internazionale. Rappresenta il proprio paese e tutela i cittadini italiani (nel nostro caso) che vivono all’estero.

Diventarlo non è una cosa per niente facile. Innanzitutto devi avere una laurea in Scienze Politiche, Economia o Giurisprudenza (in tutte le loro declinazioni). Solitamente c’è un master da fare per essere preparati al concorso perchè le prove sono tutto, tranne che semplici. Il concorso, appunto, è indetto dal Ministero degli Esteri (per gli amici il MAECI) che ogni anno mette a disposizione trentacinque posti.

Il concorso è composto da tre prove: una pre-selettiva a crocette con domande di storia delle relazioni internazionali, inglese, economia internazionale, diritto internazionale e dell’Unione Europea e logica. Il secondo step è rappresentato da cinque prove scritte nelle stesse materie più una lingua oltre l’inglese a scelta tra francese, tedesco e spagnolo. Il terzo e ultimo è la prova orale, le materie non cambiano ma c’è una discussione sull’attualità.

È uno dei concorsi più difficili a detta di chi l’ha sostenuto. Si può “provare” tre volte e il candidato deve avere meno di 35 anni (a parte casi speciali). Entrare, però, nel mondo diplomatico è possibile. Richiede tanto studio e davvero tanto impegno ma se sei convinto del tuo sogno non ti resta che rimboccare le maniche.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0