Tempo di lettura: 2 Minuti

Tirocinio a Nuova Delhi

Tirocinio a Nuova Delhi

Il racconto di Fabrizio, studente in tirocinio all’ambasciata italiana di Nuova Delhi. Mentre converso davanti ad un caffè con una mia amica, vengo i

Estate degli studenti universitari: consigli per non per perdere tempo
Premio Mosca, super opportunità per aspiranti giovani curatori!
How I met Taiwan, Capitolo 2: l’immigrata

Il racconto di Fabrizio, studente in tirocinio all’ambasciata italiana di Nuova Delhi.

Mentre converso davanti ad un caffè con una mia amica, vengo interrotta da una chiamata FaceTime: Ehi ciao! Sono a fare la spesa al mercato di Nuova Delhi-qui non se ne capisce niente-nel pomeriggio vado a Jaipur- ci sentiamo dopo. È la voce di Fabrizio 26enne romano, studente magistrale di relazioni internazionali presso l’Università Roma- La Sapienza impegnato in un tirocinio.

Il Viaggio

Ha spiccato il volo 3 mesi fa, raggiungendo l’ambasciata italiana di Nuova Delhi per fare un tirocinio . Sono così incuriosita che decido di intervistarlo: Fabrizio si rivela subito legato alla cultura indiana.

Perché hai scelto l’India per fare il tirocinio ?”

Volevo scoprire una cultura che mi ha sempre affascinato. Non posso esprimere con poche parole com’è vivere L’India  soprattutto Nuova Delhi, sarebbe riduttivo.”

Parlando con Fabrizio ( si lascia chiamare Bizio) trapela un mondo caotico e colorato, che si riconosce nel suono costante delle macchine e nei sapori delle spezie che riempiono le strade.

Il Tirocinio all’Ambasciata

Fare un tirocinio a Nuova Delhi è complicato. Sono due mondi racchiusi nella stessa città. Entro in Ambasciata e mi sembra di vivere un normale giorno in ufficio: Il mio tirocinio consiste nella cura e supervisione dei canali mediatici- curo la pagina de “l’Istituto di cultura di Nuova Delhi” e mi occupo di dare un volto alla cultura indiana all’estero attraverso la rassegna stampa- Il mio lavoro mi piace.

Il Ritmo di Nuova Delhi

Quando il tirocinio  finisce devi essere pronto a buttarti nel caos infinito della città: Un girone dantesco non è comparabile. Fa parte della loro cultura, ti ci abitui dopo un po’, ma all’inizio è soffocante. Ho imparato a mangiare in mezzo al rumore. E’ una città che ti travolge. Ho fatto centinaia di foto alle persone  perchè sono  l’essenza stessa di questa città. I clacson frenetici delle macchine che straripano dalle strade, come un fiume in piena che ti travolge. tutto questo mentre gusti il “Chole Bhature”
Sostiene Fabrizio, che della sua India non vede altro che amore : Ogni angolo di questo paese  mi sconvolge.

È tutto una scoperta- un viaggio dentro il viaggio

I miei occhi sono rimasti folgorati da Templi dorati nascosti in mezzo alle deserte campagne.
È come essere ad El Dorado. Solo che tutti quanti l’hanno già scoperta. 

Potete seguire il viaggio di Fabrizio sul suo account Instagram : “fabri_en.plein.air 

India o Italia?

Fabrizio mi ha quasi convinto a fare un tirocinio a Nuova Delhi. Per concludere questa bellissima intervista, gli chiedo:

Lasceresti mai il tuo Paese per vivere in India ?”

Lo sguardo è incerto, ma la risposta convincente:

Amo questo paese e credo che gli studenti dovrebbero saper apprezzare questa parte del mondo. Ahimè , la mia cara India dovrà aspettare il mio ritorno… tra un po’ di anni.”

#FacceCaso

Di Francesca Assenza

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0