Tempo di lettura: 2 Minuti

Boom delle droghe: in 10 anni +30%

Boom delle droghe: in 10 anni +30%

Le droghe e il loro mercato non dormono mai. Ingenti produzioni in tutto il mondo, con la Cannabis in Oriente e la Cocaina in Colombia a farla da padr

Il dramma della pedofilia nelle scuole: prevenire è meglio che curare
Prato, storia di un abuso in aula…
Contro l’abuso di alcol un video della Scuola di Cinema Luchino Visconti

Le droghe e il loro mercato non dormono mai. Ingenti produzioni in tutto il mondo, con la Cannabis in Oriente e la Cocaina in Colombia a farla da padrone.

Le droghe non conoscono limiti. Il prodotto più famoso al mondo, seguito dalla solita scia di morte, vola sui “mercati”: +30% di clienti in 10 anni.

A leggere l’ultimo rapporto dell’agenzia delle Nazioni Unite, vengono fuori dati impensabili: 271 milioni di persone hanno comprato e fatto uso di droghe nel 2017. Come già riportato, un aumento del 30% dal 2009, quando a fare abuso di sostanze stupefacenti erano in 210 milioni.

Cannabis, Oppioidi

Le regine del mercato sono sempre loro: Cannabis, Oppioidi e Cocaina. Si stima, infatti, che la cannabis venga prodotta in ben 159 paesi, con picchi di produzione in Maghreb, Medioriente e Balcani meridionali (Albania, Macedonia, per fare qualche esempio). L’utilizzo della “foglia a 5 punte”, come droga, tocca ben 188 milioni di persone e il più grande compratore sembra siano ancora gli Stati Uniti.

Produzione in paesi poveri, utilizzo negli USA. E guarda un po’ come va il mondo. Come sempre.

Nonostante i numeri di abuso della cannabis, rimangono però gli oppioidi le droghe più pericolose. L’abuso di queste droghe ha ucciso più di 47mila persone solo negli USA in questi anni, e più di 4mila in Canada. L’overdose spesso è dovuta all’utilizzo incontrollato di Fentanyl, antidolorifico oppiaceo di facile reperibilità, dato il suo largo utilizzo in Medicina del Dolore contro il dolore da cancro.

Cocaina

Rimane stabile sul podio, anche la produzione di Cocaina. La polvere bianca, primo attore in serie di prestigio come “Narcos”, è prodotta soprattutto nella regione andino-amazzonica, con la Colombia primo produttore al mondo (70% del totale). Nel 2017 quasi 2mila tonnellate prodotte, un 25% in più rispetto all’anno precedente per i circa 18 milioni di clienti.

E l’Italia

Come sempre, quando si parla di gare, ci distinguiamo. Siamo il terzo paese per consumi in Europa, dopo Repubblica Ceca e Francia, e a pari merito con l’Olanda. I dati riportano che al 31 dicembre 2018 le persone segnalate per detenzione di sostante stupefacenti o psicotrope siano state circa 40mila in un anno, con l’11% del totale in mano a minorenni.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0