Tempo di lettura: 1 Minuti

Il mio Tirocinio con FacceCaso

Il mio Tirocinio con FacceCaso

Tirocinio e FacceCaso: vi racconto la mia esperienza. Sin dal Percorso Eccellenza, fino a questo mio ultimo articolo, tutto quello che mi ha trasmesso

Giovane colpita da meningite di ritorno dalla Gmg
EduCampeggio nella palestra della scuola
Apre la prima Università della Farina Italiana ed è in provincia di Padova!

Tirocinio e FacceCaso: vi racconto la mia esperienza. Sin dal Percorso Eccellenza, fino a questo mio ultimo articolo, tutto quello che mi ha trasmesso FacceCaso.

Il mio Tirocinio? Oggi ho deciso di raccontarvi quest’esperienza.
Il perché è facile da intuire. Perché ogni tirocinio è una formazione. Io voglio raccontarvi cosa mi ha lasciato FacceCaso.

Il Percorso Eccellenza

La mia situazione è stata abbastanza particolare. Non cercavo un normale tirocinio, di completamento per gli studi. Anzi.
Ad aprile 2019 sono risultata assegnataria di un Percorso Eccellenza.
Per questa ragione, mi sono messa alla ricerca su Jobsoul. Girovagando tra le varie proposte, ho deciso per FacceCaso. Per la prima volta, volevo testarmi in un mondo a me sconosciuto, quello del giornalismo.

Il mio primo incontro con FacceCaso

Al mio primo incontro con il mondo di FacceCaso, ero abbastanza agitata. D’altronde come lo si è sempre quando si inizia qualcosa di nuovo. Mi facevo mille domande: “e se non sono in grado di scrivere un articolo? E non dovesse piacere il mio stile di scrittura?” Etc.
Ma in realtà, è stato tutto in discesa. All’incontro, si è presentato Riccardo Zianna, il Direttore Responsabile del giornale. L’ambiente è diventato subito familiare. Forse, perché FacceCaso è questo: una piccola grande famiglia.

Trasformare un intoppo in un successo!

Sarebbe falso dirvi che non ci sono stati intoppi.
Ricordo ancora il mio primo articolo, inviato senza titolo, perché non avevo idee.
Però una cosa l’ho imparata. Cioè, sicuramente più di una.
Sicuramente, grazie alle linee guida di Riccardo, ho imparato come scrivere un articolo, a individuare le notizie “interessanti”, a selezionare le parole giuste ed anche un qualcosa di più “tecnico”, ovvero utilizzare WordPress e SEO. Ho imparato anche a raccontare esperienze vissute in prima persona. Mattarella alla Sapienza, il Jova Beach Party, il tributo a Rino Gaetano.
Ma un insegnamento mi è servito più di tutti: trasformare un intoppo in un successo.

“Se non provi, non riuscirai mai”

Imparare, articolo dopo articolo, nuove cose.
“Va bene, il titolo non ti viene, ma tu prova a metterlo comunque. Se non provi, non riuscirai mai. All’incirca mi è stato detto questo, per il mio primo articolo, orfano di titolo.
Inoltre, ho imparato a saper gestire i confronti e le “critiche” ai miei articoli, relazionandomi anche con qualcosa di più grande di me. Ogni critica, se costruttiva, è un tassello che si aggiunge al tuo successo.

Questo che vi scrivo è il mio ultimo articolo. Mi rendo conto di quante cose siano cambiate e di quanto sia cresciuta in questi pochi mesi.
Come tutte le storie, ritenevo giusto condividere con voi questa. Diciamocelo, è pure giusto fare un’uscita di scena trionfale.
Grazie FacceCaso, grazie Riccardo. Grazie perché date ai ragazzi la possibilità di scoprire un mondo che non dovrebbe essere così distante dai giovani. Grazie perché trasmettete la passione di fare ciò che si ama.
Custodirò, gelosamente, ogni insegnamento.

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0